Connessione e installazione

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

In ogni installazione in cui il motore deve avviarsi in avanti e indietro, è necessariamente presente un dispositivo di avviamento del circuito di inversione magnetica. Collegare un componente del genere non è così difficile come sembra a prima vista. Inoltre, la domanda per tali compiti appare abbastanza spesso. Ad esempio, nelle perforatrici, negli impianti di interruzione o negli ascensori, se si tratta di un uso non domestico.

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

La differenza fondamentale tra un tale schema e uno singolo è la presenza di un circuito di controllo aggiuntivo e di un’unità di potenza leggermente modificata. Inoltre, per la commutazione, tale impostazione è dotata di un pulsante (SB3 nella figura). Tale sistema è generalmente protetto contro i cortocircuiti. Per fare ciò, prima delle bobine nel circuito di potenza, ci sono due contatti normalmente chiusi (KM1.2 e KM2.2) derivati ​​dagli attacchi dei contatti posizionati nella posizione degli avviatori magnetici (KM1 e KM2).

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Affinché il circuito dato sia leggibile, le immagini del circuito su di esso e i contatti di potenza hanno colori diversi. Inoltre, per semplicità, qui non sono state indicate coppie di contatti di potenza, solitamente con abbreviazioni alfanumeriche. Tuttavia, questi problemi possono essere trovati negli articoli sul collegamento di sistemi di avviamento magnetico standard.

Descrizione delle fasi dell’inclusione ↑

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Quando l’interruttore QF1 è attivato, contemporaneamente tutte e tre le fasi sono adiacenti ai contatti di potenza dell’avviatore (KM1 e KM2) e rimangono in questa posizione. In questo caso, la prima fase, che è un alimentatore per il circuito di controllo, passa attraverso l’interruttore dell’intero circuito di controllo SF1 e il pulsante di arresto SB1 fornisce tensione al gruppo di contatti sotto il terzo numero, che si riferisce ai pulsanti: SB2, SB3. dove
il contatto esistente sotto i motorini di avviamento (KM1 e KM2) con l’abbreviazione 13NO acquisisce il valore di un funzionario di turno. Pertanto, il sistema è pienamente operativo..

Un bellissimo diagramma che mostra chiaramente il meccanismo di installazione di elementi reali è presentato nella foto qui sotto.

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Commutazione del sistema durante la rotazione inversa del motore ↑

Dopo aver attivato il pulsante SB2, dirigiamo la tensione della prima fase alla bobina, che si riferisce all’avviatore magnetico KM1. Successivamente, i contatti normalmente aperti vengono attivati ​​e i contatti normalmente chiusi vengono disconnessi. Pertanto, chiudendo il contatto KM1, si verifica l’effetto di autobloccaggio dell’avviatore. In questo caso, tutte e tre le fasi entrano nell’avvolgimento del motore corrispondente, che a sua volta inizia a creare un movimento rotatorio.

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Il circuito creato prevede la presenza di un solo avviatore funzionante. Ad esempio, solo KM1 può funzionare o, al contrario, KM2. Nella figura sopra, puoi vedere un diagramma in cui il motore gira nella direzione normale. La catena specificata ha elementi reali..

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Modifica del movimento rotazionale ↑

Ora per dare la direzione opposta del movimento, è necessario cambiare la posizione delle fasi di potenza, cosa che viene fatta comodamente usando l’interruttore KM2.

Importante!!! Nel processo di modifica del vettore di rotazione, deve essere presente una funzione per arrestare il motore prima di iniziare un nuovo ciclo.

Tutto accade a causa dell’apertura della prima fase. In questo caso, tutti i contatti ritornano nella loro posizione originale diseccitando l’avvolgimento del motore. Questa fase è la modalità standby..

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

L’azionamento del pulsante SB3 attiva un avviatore magnetico con l’abbreviazione KM2, che a sua volta cambia la posizione della seconda e terza fase. Questa azione fa ruotare il motore nella direzione opposta. Ora KM2 è in testa e fino a quando non si apre KM1 non sarà coinvolto.

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Circuiti di potenza ↑

La foto sotto illustra il funzionamento dei circuiti di potenza. In questa posizione, il motore ha una rotazione normale..

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Ora vediamo che si è verificato un trasferimento di tensione di fase e poiché la seconda e la terza fase hanno cambiato posizione, il motore ha invertito la rotazione.

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Nella foto in cui sono presentati gli elementi reali, puoi vedere il diagramma di connessione, in cui la prima fase è contrassegnata in bianco, la seconda in rosso e la terza in blu.

Schema di collegamento del motorino di avviamento magnetico inverso

Come vengono protetti i circuiti di potenza da cortocircuiti ↑

Come accennato in precedenza, prima di eseguire il processo di cambio di fase, è necessario arrestare la rotazione del motore. A tale scopo, nel sistema sono previsti contatti normalmente chiusi. Poiché in loro assenza, la disattenzione dell’operatore prima o poi porterebbe a un guasto interfase che si verificherebbe nell’avvolgimento del motore della seconda e terza fase. Lo schema proposto è ottimale perché consente il funzionamento di un solo avviatore magnetico.

Conclusione ↑

Le informazioni fornite possono sembrare complicate a prima vista. Tuttavia, i diagrammi e le foto forniti sono un chiaro esempio di risoluzione di questo problema. Il loro studio è garantito per garantire il successo del sistema creato. Spesso, un corso video può essere un ottimo esempio per i principianti..

Poiché le informazioni presentate nel movimento hanno pienezza e valore strutturale molto maggiori.

Inoltre, non sarà male conoscere le informazioni relative alla protezione dell’intero circuito di un motore elettrico, che consentirà di creare sistemi affidabili.

logo

Leave a Comment