Connessione e installazione

Come collegare un regolatore di tensione

Come collegare un regolatore di tensione

L’idea principale di qualsiasi stabilizzatore è la sicurezza dell’apparecchiatura da tensione errata e salta. Qualsiasi dispositivo elettrico necessita di una tensione stabile per funzionare. La caratteristica principale che dovresti sapere quando scegli uno stabilizzatore è la potenza richiesta dagli apparecchi elettrici che usi. Ora, i produttori usano quasi sempre ampere di kilovolt per indicare la potenza..

Considera il principio del dispositivo in modo più dettagliato ↑

Un dispositivo adattato per stabilizzare la tensione in ingresso e per pulire questa tensione da varie fluttuazioni nelle alte frequenze. Gli stabilizzatori sono classificati in base al tipo di meccanismi del dispositivo, a causa dei quali il funzionamento dell’intero dispositivo nel suo insieme.

Come collegare un regolatore di tensione

Stabilizzatori di relè. Secondo le statistiche, la maggior parte preferisce gli stabilizzatori di relè. Ciò è dovuto al buon rapporto qualità-prezzo. Uno dei vantaggi è la velocità, a seconda dell’intensità del salto di tensione in ingresso e varia da 0,3 a 0,6 secondi.

Ci sono anche degli inconvenienti, consistenti nel fatto che quando si cambia il relè, può apparire un piccolo aumento di elettricità. Un simile salto è completamente sicuro per la tecnologia, poiché il suo valore è minimo – 10-20 V.

Nei moderni stabilizzatori, tutto il lavoro viene eseguito da un autotrasformatore di potenza e da un’unità elettrica. Lì, il processo di entrata e uscita dell’elettricità è controllato. Dal microcontrollore, i segnali vengono inviati ai tasti e al relè di potenza. Quando ha luogo il processo di controllo e formazione, si tiene conto del tempo impiegato per il funzionamento dei tasti. Per questo motivo, la trasmissione dell’elettricità viene effettuata quasi senza lacune. Quindi è possibile visualizzare in dettaglio lo schema circuitale dello stabilizzatore del relè.

Come collegare un regolatore di tensione

Stabilizzatori di tensione elettromeccanici. Il suo lavoro viene svolto a causa del fatto che la scheda di controllo principale analizza la tensione immessa e, dopo la scansione, un segnale viene trasmesso a un motore speciale situato all’interno della bobina elettrica. Uno dei vantaggi: rispetto allo stabilizzatore di relè, l’elettromeccanico garantisce una stabilizzazione più elevata e più accurata. La precisione della stabilizzazione dipende principalmente dal numero di giri del trasformatore.

Le capacità del motore di diversi stabilizzatori limitano i movimenti della spazzola e molto spesso la velocità è di 5-15 V / sec. I picchi di corrente possono essere pericolosi per le apparecchiature quando raggiungono i 25-45 volt.

Per gli stabilizzatori non si bloccano, non bisogna dimenticare che producono motori diversi. La maggior parte dei dispositivi utilizza la tensione in ingresso per alimentare e quando è fortemente consumata da altri dispositivi, lo stabilizzatore smette di funzionare perché manca di energia. Se hai una tensione stabile senza cambiamenti improvvisi, non hai paura.

Regolatori di tensione a tiristori (triac). Il lavoro è dovuto ai tasti di accensione, che sono anche chiamati tiristori in modo diverso. Grazie a loro, le sezioni del trasformatore vengono commutate automaticamente. Tali dispositivi hanno molte caratteristiche simili con relè, ma li superano nel numero di stadi di stabilizzazione e precisione..

Schema approssimativo del dispositivo ↑

Come collegare un regolatore di tensione

Nel diagramma, è possibile osservare che, con l’aiuto dei tasti, i rubinetti del trasformatore vengono commutati e la tensione di uscita cambia leggermente. Molti rifiutano di acquistare uno stabilizzatore del genere a causa del prezzo elevato, ma d’altra parte si ottiene silenzio e comfort, poiché i meccanismi emettono un rumore minimo durante il funzionamento.

Come effettuare la connessione ↑

In effetti, se hai le finanze, è meglio rivolgersi a una questione simile ai professionisti, poiché puoi fare molti errori quando ti connetti in modo indipendente.

Prima di iniziare l’installazione dello stabilizzatore, preparare un posto:

  • ventilare bene la stanza;
  • rimuovere accuratamente la polvere nel punto in cui si troverà lo stabilizzatore;
  • controllare attentamente che l’umidità non penetri nel luogo prescelto.

Al momento dell’acquisto, nel kit verrà fornito un passaporto del dispositivo. Impara bene tutti i punti. Se lo stabilizzatore è stato trasportato a temperature inferiori allo zero, prima dell’installazione è necessario mantenere il meccanismo in un luogo caldo a temperatura ambiente. In caso contrario, potrebbe formarsi condensa all’interno del dispositivo..

Una volta collegato, il dispositivo deve essere disconnesso dall’alimentazione! I contatti dell’uscita a cui verrà collegato lo stabilizzatore devono essere messi a terra oppure il dispositivo stesso deve essere collegato a terra.

Spesso ci sono situazioni tali che la scheda tecnica non spiega come installare correttamente il dispositivo. In questo caso, è meglio contattare il produttore per le istruzioni, ma se si decide di eseguire l’installazione da soli, ecco una breve istruzione:

In tutti gli stabilizzatori, le fasi sono situate ai bordi della morsettiera, più vicine al centro degli zeri e al centro del terreno.

  • Se durante l’installazione, la lettera latina H appare sullo schermo del dispositivo, ciò significa che la tensione all’interno del dispositivo è saltata sopra il livello impostato;
  • se appare la lettera latina L, significa che la tensione all’interno del dispositivo è scesa al di sotto del livello richiesto.

Quando si verificano tali salti durante la connessione, viene attivata una protezione speciale. Se sono apparse le lettere latine C-H, significa che in totale, la potenza di tutti i dispositivi collegati allo stabilizzatore ha attraversato la barriera consentita e per questo motivo viene attivata la protezione.

Per evitare sbalzi di tensione così costanti, utilizzare un relè speciale che monitora la tensione. Ecco un esempio di come collegare correttamente lo stabilizzatore.

Cosa bisogna fare:

  • Calcola la potenza totale di tutti i dispositivi collegati. Questo viene fatto come segue: la potenza totale divisa per sette;
  • scopri qual è la soglia di tensione minima per la tua casa.

Grazie a queste caratteristiche, puoi scegliere uno stabilizzatore specifico per la tua casa. Per semplificarti il ​​conteggio del potere che usi quotidianamente, c’è una tabella speciale.

Apparecchi elettrici

Utensili

apparecchio

potenza, VA

apparecchio

potenza, VA

Dispositivi per la cura dei capelli (asciugacapelli, ferro arricciacapelli)

500-2000

Trapano, cacciavite

500-1000

ferro

250-1500

trapano a percussione

700-1500

Piastrella elettrica

1200-6200

terra elettrica

500-1500

Piano cottura lento, tostapane, frullatore

800-2000

Sega circolare

800-1800

macchina per il caffè

800-1500

Pialla elettrica

500-1200

Dispositivi elettrici per il riscaldamento degli ambienti

1200-2500

sega

500-1000

Griglia

1300-2100

levigatrice

700-2600

un’aspirapolvere

500-2000

Radio

100-300

Apparecchi elettrici

tv

200-600

compressore

800-2500

Frigorifero e congelatore

200-800

pompa idraulica elettrica

600-1000

Forno

1200-2500

una sega circolare

2000-2500

Microonde

1000-2100

aria condizionata

1200-3200

PC

500-800

Motore elettrico

600-3200

Bollitore elettrico

1200-2500

fan

800-1800

infissi

50-200

taglia erba

800-2600

caldaia

1200-1500

Pompa ad alta pressione

2000-2900

logo

Leave a Comment