Connessione e installazione

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Succede che un motore elettrico trifase entri nelle mani. È da questi motori che vengono prodotte seghe circolari fatte in casa, smerigliatrici e vari tipi di trituratori. In generale, un buon proprietario sa cosa si può fare con lui. Ma il problema è che una rete trifase nelle case private è molto rara e non è sempre possibile eseguirla. Ma ci sono diversi modi per collegare un tale motore a una rete 220v.

Dovrebbe essere chiaro che la potenza del motore con tale connessione, indipendentemente da come si tenta, diminuirà notevolmente. Quindi, la connessione «un triangolo» utilizza solo il 70% della potenza del motore e «una stella» e anche meno: solo il 50%.

A questo proposito, è desiderabile avere un motore più potente.

Importante! Quando si collega il motore, prestare estrema attenzione. Fai tutto lentamente. Cambiando il circuito, spegnere l’alimentazione e scaricare il condensatore con una lampada elettrica. Eseguire almeno due lavori.

Quindi, in qualsiasi schema di collegamento, vengono utilizzati condensatori. In effetti, svolgono il ruolo della terza fase. Grazie a lui, la fase a cui è collegato un terminale del condensatore, viene spostata esattamente quanto è necessario per simulare la terza fase. Inoltre, per il funzionamento del motore, viene utilizzata una capacità (funzionante) e per l’avviamento, un’altra (avviamento) in parallelo con quella funzionante. Sebbene non sia sempre necessario.

Ad esempio, per un tosaerba con un coltello a forma di lama affilata, saranno sufficienti un totale di 1 kW e condensatori solo per i lavoratori, senza la necessità di far funzionare i serbatoi. Ciò è dovuto al fatto che il motore gira al minimo e ha energia sufficiente per far girare l’albero.

Se prendi una sega circolare, una cappa o un altro dispositivo che fornisce il carico iniziale sull’albero, qui non puoi fare a meno di lattine aggiuntive di condensatori. Qualcuno potrebbe dire: «e perché non collegare la capacità massima in modo che ci sia poco?». Ma non è così semplice. Con questa connessione, il motore si surriscalda e potrebbe non funzionare. Non rischiare l’attrezzatura.

Importante! Indipendentemente dalla capacità dei condensatori, la loro tensione di funzionamento non dovrebbe essere inferiore a 400 V, altrimenti non funzioneranno a lungo e potrebbero esplodere.

Consideriamo innanzitutto come un motore trifase è collegato a una rete 380v. ↑

I motori trifase sono disponibili con tre uscite – solo per il collegamento «una stella», quindi con sei connessioni, con una scelta di circuiti? stella o triangolo. Il circuito classico può essere visto nella figura. Qui a sinistra, viene mostrata la connessione a stella. La foto a destra mostra l’aspetto di un vero veicolo a motore..

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Si vede che per questo è necessario installare ponticelli speciali sull’uscita desiderata. Questi ponticelli vengono con il motore. Nel caso in cui vi siano solo 3 uscite, il collegamento alla stella è già stato effettuato all’interno dell’alloggiamento del motore. In questo caso, è semplicemente impossibile modificare lo schema di collegamento degli avvolgimenti..

Alcuni affermano di averlo fatto in modo che gli operai non rubassero gli aggregati di casa in casa per i loro bisogni. Comunque sia, tali opzioni del motore possono essere utilizzate con successo per scopi di garage, ma la loro potenza sarà notevolmente inferiore a quelle collegate da un triangolo.

Schema di collegamento di un motore trifase a una rete 220v collegata da una stella. ↑

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Come puoi vedere, la tensione di 220 V è distribuita in due avvolgimenti collegati in serie, dove ciascuno è progettato per tale tensione. Pertanto, la potenza è quasi raddoppiata, ma un tale motore può essere utilizzato in molti dispositivi a bassa potenza.

La potenza massima del motore di 380 V in una rete 220 V può essere raggiunta solo utilizzando una connessione triangolare. Oltre alle minime perdite di potenza, la velocità del motore rimane invariata. Qui, ogni avvolgimento viene utilizzato per la propria tensione operativa, quindi la potenza. Lo schema elettrico di un tale motore elettrico è mostrato nella Figura 1.

Figura. 1

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

In Fig. 2, il brno è mostrato con un terminale a 6 pin per la possibilità di connettersi con un triangolo. Vengono tratte le tre conclusioni risultanti: fase, zero e un terminale del condensatore. Da dove verrà collegata la seconda uscita del condensatore? fase o zero, dipende il senso di rotazione del motore elettrico.

Nella foto: motore elettrico solo con condensatori funzionanti senza condensatori per l’avviamento.

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Se sull’albero è presente un carico iniziale, è necessario utilizzare i condensatori per l’avvio. Sono collegati in parallelo con i lavoratori, utilizzando un pulsante o un interruttore al momento dell’accensione. Non appena il motore raggiunge la velocità massima, i serbatoi per l’avviamento devono essere scollegati dai lavoratori. Se questo è un pulsante, basta rilasciarlo e, se l’interruttore è, quindi spegnerlo. Inoltre, il motore utilizza solo condensatori funzionanti. Tale connessione è mostrata nella foto..

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Come scegliere i condensatori per un motore trifase, utilizzandolo in una rete 220v. ↑

La prima cosa da sapere? i condensatori devono essere non polari, cioè non elettrolitici. È meglio usare contenitori di marca? MBGO. Sono stati utilizzati con successo in URSS e ai nostri giorni. Resistono alla tensione, alle sovratensioni e agli effetti dannosi dell’ambiente..

Hanno anche occhielli per il fissaggio, che aiutano a posizionarli ovunque nel corpo del dispositivo senza problemi. Sfortunatamente, ottenerli ora è problematico, ma ci sono molti altri condensatori moderni che non sono peggiori dei primi. La cosa principale è che, come accennato in precedenza, la loro tensione di funzionamento non dovrebbe essere inferiore a 400V.

Calcolo dei condensatori. Capacità del condensatore.

Al fine di non ricorrere a formule lunghe e tormentare il tuo cervello, c’è un modo semplice per calcolare il condensatore per un motore 380v. Per ogni 100 W (0,1 kW), vengono prelevati 7 μF. Ad esempio, se il motore è 1 kW, calcoliamo questo: 7 * 10 = 70 μF. È estremamente difficile trovare una tale capacità in una banca ed è costoso. Pertanto, molto spesso le capacità sono collegate in parallelo, ottenendo la capacità desiderata.

Capacità del condensatore di avviamento. ↑

Questo valore viene preso dal calcolo 2-3 volte in più rispetto alla capacità del condensatore di lavoro. Va tenuto presente che questa capacità è presa in totale con quella funzionante, ovvero per un motore da 1 kW, quello funzionante è 70 μF, lo moltiplichiamo per 2 o 3 e otteniamo il valore necessario. Si tratta di 70-140 microfarad di capacità aggiuntiva – avvio. Al momento dell’inclusione, si collega a quello funzionante e in totale risulta – 140-210 microfarad.

Caratteristiche della selezione di condensatori. ↑

I condensatori, sia di lavoro che di avviamento, possono essere selezionati con un metodo dal più piccolo al più grande. Quindi, dopo aver selezionato la capacità media, è possibile aggiungere e monitorare gradualmente il funzionamento del motore in modo che non si surriscaldi e abbia abbastanza potenza sull’albero. Inoltre, il condensatore di avviamento viene selezionato aggiungendo, fino a quando si avvia senza intoppi senza indugio.

Oltre al suddetto tipo di condensatore – MBGO, è possibile utilizzare il tipo – MBGCH, MBGP, KGB e simili.

Inversione ↑

A volte diventa necessario cambiare il senso di rotazione del motore elettrico. Ciò è possibile anche con motori a 380 V utilizzati in una rete monofase. Per fare ciò, assicurarsi che l’estremità del condensatore collegata a un avvolgimento separato rimanga inestricabile e che l’altro possa essere trasferito da un avvolgimento a cui è collegato «zero», a un altro dove – «fase».

Tale operazione può essere eseguita da un interruttore a due posizioni, sul contatto centrale di cui è collegata l’uscita dal condensatore e sulle due conclusioni estreme da «fase» e «graffiare».

Maggiori dettagli possono essere visti nella figura..

Come collegare un motore elettrico da 380 V a 220 V

Importante! Esistono motori elettrici trifase per 220v. Ogni avvolgimento è progettato per 127 v e quando è collegato a una rete monofase secondo lo schema «triangolo» ? il motore si spegnerà semplicemente. Per evitare ciò, un tale motore in una rete monofase dovrebbe essere collegato solo secondo lo schema – «stella».

logo

Leave a Comment