Connessione e installazione

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

Ci sono casi frequenti in cui è necessario collegare un motore elettrico a una rete a 220 volt – questo accade quando si tenta di collegare l’apparecchiatura alle proprie esigenze, ma il circuito non soddisfa le caratteristiche tecniche indicate nel passaporto di tale apparecchiatura. In questo articolo proveremo ad analizzare i principali metodi per risolvere il problema e presenteremo diversi schemi alternativi con una descrizione per il collegamento di un motore elettrico monofase con condensa da 220 volt.

Perché succede? Ad esempio, in un garage è necessario collegare un motore elettrico asincrono da 220 volt, progettato per tre fasi. Allo stesso tempo, è necessario preservare l’efficienza (efficienza), questo viene fatto se l’alternativa (sotto forma di un motore) semplicemente non esiste, perché in un circuito trifase si forma facilmente un campo magnetico rotante, che assicura la creazione di condizioni per la rotazione del rotore nello statore . Senza questo, l’efficienza sarà inferiore rispetto a uno schema elettrico trifase.

Quando nei motori monofase è presente un solo avvolgimento, osserviamo un’immagine quando il campo all’interno dello statore non ruota ma pulsa, cioè una spinta di avvio non si verifica fino a quando l’albero non viene svitato manualmente. Affinché la rotazione avvenga in modo indipendente, si aggiunge un avvolgimento di avviamento ausiliario. Questa è la seconda fase, viene spostata di 90 gradi e spinge il rotore quando viene acceso. In questo caso, il motore è ancora collegato alla rete con una fase, in modo da salvare il nome della fase singola. Tali motori sincroni monofase hanno un avvolgimento funzionante e di avviamento. La differenza è che il lanciatore funziona solo quando il rotore di avvolgimento è acceso, funzionando solo per tre secondi. Il secondo avvolgimento è sempre acceso. Per determinare dove, è possibile utilizzare il tester. Nella figura puoi vedere la loro relazione con lo schema nel suo insieme.

Collegamento di un motore elettrico da 220 volt: il motore viene avviato fornendo 220 volt agli avvolgimenti di lavoro e di avviamento e dopo una serie di giri necessari, è necessario disattivare manualmente l’avvio. Per spostare la fase, è necessaria la resistenza ohmica, fornita dai condensatori di induttanza. C’è resistenza sia sotto forma di un resistore separato, sia in parte dell’avvolgimento di partenza stesso, che viene eseguito usando una tecnica bifilare. Funziona così: l’induttanza della bobina viene preservata e la resistenza aumenta a causa del filo di rame allungato. Tale circuito può essere visto in Figura 1: collegamento di un motore elettrico da 220 volt.

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

Figura 1. Schema di collegamento di un motore elettrico da 220 volt con condensatore

Ci sono anche motori in cui entrambi gli avvolgimenti sono continuamente collegati alla rete, sono chiamati bifase, perché il campo all’interno ruota e viene fornito il condensatore per spostare le fasi. Per il funzionamento di un tale circuito, entrambi gli avvolgimenti hanno un filo con sezione trasversale uguale.

Schema di collegamento di un motore collettore da 220 volt ↑

Dove puoi incontrarti nella vita di tutti i giorni?

I trapani elettrici, alcune lavatrici, i martelli perforatori e le smerigliatrici hanno un motore commutatore sincrono. È in grado di funzionare in reti con una fase anche senza trigger. Lo schema è il seguente: le estremità 1 e 2 sono collegate da un ponticello, il primo ha origine nell’ancoraggio, il secondo nello statore. I due suggerimenti che rimangono devono essere collegati a un alimentatore a 220 volt..

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

Collegamento di un motore elettrico da 220 volt con un avvolgimento di avviamento

Attenzione!
  • Tale circuito elimina l’unità elettronica e, di conseguenza, il motore immediatamente dall’inizio, funzionerà a piena potenza – alla massima velocità, all’avvio, si interrompe letteralmente con la forza della corrente elettrica di avviamento, che provoca scintille nel collettore;
  • Esistono motori elettrici a due velocità. Possono essere identificati da tre estremità nello statore che fuoriescono dall’avvolgimento. In questo caso, la velocità dell’albero durante il collegamento diminuisce e aumenta il rischio di deformazione dell’isolamento all’avvio;
  • il senso di rotazione può essere modificato, per fare ciò, scambiare le estremità della connessione nello statore o nell’ancoraggio.

Schema di collegamento di un motore elettrico da 380 a 220 volt con un condensatore ↑

C’è un’altra opzione per collegare un motore elettrico con una potenza di 380 volt, che entra in movimento senza carico. Ciò richiede anche un condensatore funzionante..

Un’estremità si collega a zero e l’altra all’uscita del triangolo con il numero di serie tre. Per cambiare il senso di rotazione del motore elettrico, vale la pena collegarlo alla fase e non a zero.

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

Schema elettrico motore 220 volt tramite condensatori

Nel caso in cui la potenza del motore sia superiore a 1,5 Kilowatt o si avvii immediatamente con un carico all’avvio, è necessario impostare il condensatore di avviamento in parallelo con il condensatore di lavoro. Serve per aumentare la coppia di avviamento e si accende solo per pochi secondi durante l’avvio. Per comodità, è collegato con un pulsante e l’intero dispositivo è alimentato da un interruttore o un pulsante con due posizioni, che ha due posizioni fisse. Per avviare un tale motore elettrico, è necessario collegare tutto tramite il pulsante (interruttore a levetta) e tenere premuto il pulsante di avvio fino a quando non si avvia. All’avvio, basta rilasciare il pulsante e la molla apre i contatti, scollegando il motorino di avviamento

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

La specificità è che i motori asincroni sono originariamente destinati a essere collegati a una rete con tre fasi di 380 V o 220 V.

Importante! Per collegare un motore elettrico monofase a una rete monofase, è necessario leggere i dati del motore sull’etichetta e conoscere quanto segue:

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

P = 1,73 * 220 V * 2,0 * 0,67 = 510 (W) calcolo per 220 V

P = 1,73 * 380 * 1,16 * 0,67 = 510,9 (W) calcolo per 380 V

Con la formula, diventa chiaro che l’energia elettrica è superiore a quella meccanica. Questo è il margine necessario per compensare le perdite di potenza all’avvio – creando una coppia del campo magnetico.

Esistono due tipi di avvolgimenti: stella e triangolo. In base alle informazioni sull’etichetta del motore, è possibile determinare quale sistema è utilizzato in esso.

Questo è un circuito di avvolgimento a stella ↑

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

Le frecce rosse – questa è la distribuzione della tensione negli avvolgimenti del motore, indica che una tensione monofase di 220 V è distribuita su un avvolgimento e una tensione di 380 V è distribuita sugli altri due. Tale motore può essere adattato per una rete monofase secondo le raccomandazioni sull’etichetta: scopri per quale gli avvolgimenti vengono creati, è possibile collegarli con una stella o un triangolo.

Il circuito di avvolgimento del triangolo è più semplice. Se possibile, è meglio usarlo, poiché il motore perderà potenza in una quantità minore e la tensione attraverso gli avvolgimenti ovunque sarà pari a 220 V.

Questo è uno schema di collegamento con un condensatore di un motore asincrono in una rete monofase. Include condensatori di lavoro e di avviamento.

Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt

Esempio:

  • utilizziamo condensatori basati sulla tensione di almeno 300 o 400 V;
  • la capacità dei condensatori di lavoro è composta da una connessione parallela;
  • calcoliamo in questo modo: ogni 100 W è un altro 7 μF, dato che 1 kW è 70 μF;
  • questo è un esempio di collegamento parallelo di condensatori
    Come collegare un motore elettrico monofase da 220 volt
  • la capacità di avvio deve superare tre volte la capacità dei condensatori di lavoro.
Importante! Se i condensatori di avviamento non vengono scollegati al momento dell’avvio, quando il motore raggiunge la sua velocità standard, causeranno un grande squilibrio di corrente in tutti gli avvolgimenti, che termina semplicemente con un surriscaldamento del motore elettrico.

Dopo aver letto l’articolo, ti consigliamo di familiarizzare con la tecnica di collegamento di un motore trifase a una rete monofase:

logo

Leave a Comment