landscaping

Semina invernale del prato e del suo complesso di cure in autunno

Semina invernale del prato e del suo complesso di cure in autunno

Se hai sollevato il tuo prato da zero, ti preoccuperai sicuramente di come l’erba trasferirà il primo inverno. In effetti, sono già stati fatti molti sforzi nel prato e non voglio che il risultato primaverile deluda. Ma non devi preoccuparti se prepari il prato per l’inverno in tempo e con competenza. È questo problema che dovrebbe riguardare i proprietari che si occupano del prato in autunno. Prendi in considerazione una serie di lavori autunnali di base che aiuteranno l’erba a resistere con successo al letargo.

Soddisfare

Rafforzare il sistema radicale: aerazione e medicazione

In inverno, la parte fuori terra del prato si congela e vypreet, quindi i proprietari devono rinunciare a tutte le loro forze per rafforzare le radici. Sono loro che daranno germogli spessi in primavera e non dovrebbero morire nella stagione fredda. Rafforzare il sistema radicale in due modi: medicazione moderata e aerazione.

Per alimentare il prato in autunno Sono adatti solo fertilizzanti al fosforo e al potassio, che aiutano la maturazione delle piante. Elimina assolutamente la medicazione superiore all’azoto. Accelerano la crescita dell’erba e provocano lo sviluppo di giovani germogli, e questo non è proprio necessario in inverno, perché i giovani germogli sono più difficili da tollerare temperature sotto lo zero e muoiono per primi.

Frassino

La cenere di legno può essere aggiunta insieme a torba e terra nera, mescolando la composizione. Quindi fertilizzate e livellate entrambi il terreno

Dove ottenere fosforo e potassio? Puoi cercare la vendita di fertilizzanti autunnali complessi per il prato. Ma è più economico acquistare separatamente: solfato di potassio e superfosfato. A proposito, un sacco di potassio è contenuto nella cenere di legno, quindi se hai spesso bruciato un camino in estate o spiedini alla griglia sulla griglia, otterrai questo fertilizzante assolutamente gratuito.

L’alimentazione è migliore prima della pioggia. In autunno non sarà difficile, perché il tempo piovoso in questi mesi piace con una costanza invidiabile. È consigliabile che l’alimentazione sia all’inizio dell’autunno (all’inizio di settembre). Quindi l’erba ha maggiori probabilità di assorbire e assorbire i massimi nutrienti dai fertilizzanti.

L’aerazione è altrettanto importante per le radici. Ricevendo molto ossigeno, le radici maturano e si rafforzano più velocemente. Inoltre, attraverso le forature durante le piogge fredde prolungate, l’acqua andrà negli strati profondi del terreno e non rimarrà in superficie con pozzanghere, che si trasformeranno in ghiaccio con il gelo mattutino. Il modo più semplice per spostare il prato è con le normali forcelle, perforare il prato con loro in molti punti e inclinarlo leggermente verso se stessi per sollevare le radici. Puoi anche utilizzare strumenti speciali per l’aerazione del prato in autunno: ugelli sul trattore a piedi o aeratori. Mescolando con tempo asciutto.

Aeratore di fabbrica

L’aeratore di fabbrica perfora perfettamente il terreno, ma puoi farlo con le normali forcelle da giardino, che devono essere piantate nel terreno ad angolo

Le faccende autunnali con un prato sono meno voluminose di quelle estive, ma dipende da loro quanto l’erba tollererà l’inverno.

Falciare il prato: come non arrivare in ritardo?

Qualsiasi prato (e quest’anno e in crescita per diversi anni) dovrebbe andare sotto la neve «taglio di capelli». Se il clima è caldo, potrebbero esserci diversi tagli di capelli autunnali. Ma per te il più importante è l’ultimo. Dovrebbe essere eseguito circa 2 settimane prima del primo gelo nella tua zona, in modo che l’erba abbia il tempo di crescere di 6-10 cm. Se la sua altezza è inferiore, allora c’è un’alta probabilità di congelamento delle radici in forti gelate. Se il prato ha il tempo di superare i 10 cm, allora c’è il rischio di invecchiamento. Ad esempio, quando si alternano gelate e disgeli, si forma una crosta di ghiaccio. E se l’erba va sotto la neve con una tale crosta, allora soffocerà senza aria e vomito. Inoltre, in primavera, l’erba morta diventerà un ostacolo alla rottura di nuovi germogli da terra. Li bloccherà, come un pacciame, che impedisce alle erbe infestanti di crescere.

Raccogliendo l'erba vecchia dal prato

Se non raccogli erba vecchia che si è trasformata in feltro in autunno dal prato, allora in primavera diventerà un ostacolo alla crescita di un giovane prato

Rimozione dell'erba dal prato

Tutta l’erba e le foglie raccolte dal prato possono essere usate come fertilizzante per i letti di verdure, spargendole sul terreno e scavandole un po ‘

L’erba tagliata ostacolerà anche la crescita primaverile se non la rimuovi dal prato in autunno. Dopo la falciatura, assicurati di pettinare il prato con un rastrello a ventaglio per rimuovere detriti, erba vecchia che forma feltro e l’ultima falciatura. Guida tutto ciò che raccogli su una carriola «ricchezza» direttamente sui letti vuoti e trucco. Durante l’inverno, i rifiuti a base di erba produrranno fertilizzanti ecologici.

Riparazione del prato e calpestare l’assicurazione

Dalla caduta la cura del prato include la sua ristrutturazione. Piccoli pozzi e buche possono essere livellati durante questo periodo, addormentandosi con una miscela di humus e sabbia. Lasciare grandi fosse in primavera, perché dovranno aggiungere semi di erba.

Il prato risponde bene alla stagione autunnale con una miscela di torba e compost. Avendo sparso il composto sull’erba, livellerai simultaneamente il terreno e fertilizzerai il terreno.

Quando arriva la stagione delle piogge e il terreno diventa morbido, è necessario assicurare il prato dal calpestio, se lo si passa spesso in altri edifici. Per fare questo, lancia i bordi sull’erba e muoviti solo su di essi, poiché sotto la pressione delle gambe il terreno «sta giocando», e forma pozzi sul prato. Se il tempo è secco, è meglio mettere le tavole dopo l’inizio di temperature sotto lo zero stabili. Quindi prendi meno erba per l’inverno ed eviti «stempiatura», che spesso compaiono su percorsi. Ed è meglio non camminare sull’erba addormentata in inverno.

Macchie calve da prato

Tali macchie calve sono il risultato di calpestare i percorsi sul prato, perché il terreno schiacciato impedisce alle radici di essere saturate di ossigeno e contribuisce al loro congelamento.

Ne vale la pena piantare un prato in autunno?

Avendo compreso la complessità della cura, ci concentreremo sulla piantagione di erba. Alcuni residenti estivi terminano la preparazione del sito per il futuro prato troppo tardi e la semina cade proprio in estate. Se confronti le colture estive e autunnali del prato, allora la preferenza dovrebbe essere data all’autunno. Per una buona germinazione, i semi hanno bisogno di terreno umido e mancanza di calore. Tutti questi sono chiari segni del tempo di settembre, quando iniziano le piogge, e le giornate sono calde, ma non più calde. Inoltre, piantare un prato in autunno dà germogli più amichevoli, perché le erbacce non interferiscono con l’erba. A questo punto, iniziano a prepararsi per l’inverno e spuntano debolmente..

Semina del prato

Nella semina tardiva, si consiglia di aumentare il tasso di consumo di sementi di circa 1,5 volte, poiché alcuni di loro si congeleranno durante l’inverno

Se scavi qualitativamente il sito e scegli le radici di tutte le piante perenni, non puoi nemmeno versare il terreno con erbicidi. Semina la trama e attendi le piantine. È vero, non dovresti ritardare le date di semina. Settembre è il periodo migliore. Prima dell’inizio del freddo, i fili d’erba avranno il tempo di diventare più forti e crescere in modo da poterli falciare una volta. Ma cerca di falciare non solo il terreno, ma solo le cime.

Alcuni giardinieri raccomandano anche la semina invernale, ad es. piantare semi in terreno ghiacciato (circa a novembre). Quindi vedrai le piantine all’inizio della primavera e saranno forti, perché sono state indurite dal gelo. Ma nel nostro clima, ci sono diversi fattori che possono rovinare tali sbarchi. In primo luogo, nelle aree con una pendenza, le inondazioni primaverili possono lavare via parte dei semi insieme alla neve. In secondo luogo, la caduta potrebbe essere ritardata e dopo il freddo inizierà il disgelo. Sentendosi caldi, i semi si schiuderanno, germoglieranno – e loro «ancora caldo» uccidi le prime gelate invernali. Se decidi di piantare in inverno, devi seminare una percentuale maggiore di semi del solito, con l’aspettativa di un congelamento parziale.

logo

Leave a Comment