Articoli dai nostri lettori

La storia di un prato: esperienza personale che rompe un prato bluegrass

La storia di un prato: esperienza personale che rompe un prato bluegrass

Dopo aver costruito la casa e ripulito la spazzatura, è tempo di nobilitare la trama. Ho ricordato un sogno di vecchia data di un prato – un prato con erba color smeraldo, senza letti con verdure. Proprio vicino alla casa c’era spazio libero non occupato da terreni agricoli. Si è deciso di darlo al prato. Ho iniziato a leggere informazioni su questo argomento, quindi – per pianificare in quale sequenza eseguire i lavori e quali semi piantare. Voglio dire subito che posare un prato è questione di molti mesi. Personalmente, ho preso tutte le tappe, dall’inizio dello scavo alla contemplazione di un prato dall’aspetto decente, per circa un anno. Ti dirò come è stato con me – condividerò la mia esperienza, che, spero, aiuterà i principianti «acqua del prato» evitare molti errori.

Soddisfare

Passaggio 1. Selezione delle sementi e pianificazione del lavoro

Dopo aver studiato le informazioni sull’argomento, sono giunto alla conclusione che i migliori tipi di erba per il prato (nelle nostre condizioni) sono il bluegrass del prato e la festuca rossa. Ha iniziato a cercare una miscela di erbe adatta nei negozi. Nella maggior parte delle formulazioni, è necessariamente ryegrass, che nel nostro clima non è affatto ghiaccio. Per un’Europa calda: eccellente, adatta, ma il nostro ryegrass si congela in inverno, in primavera un tale prato si sveglia notevolmente assottigliato. Di conseguenza, mi sono imbattuto in una miscela di erba adatta per una specie – da varietà di un prato di prateria True Blue Kentucky Bluegrass. Prato interamente bluegrass … Perché no? Certo, i primi anni dovranno essere attentamente curati, all’inizio il bluegrass è capriccioso. Ma un tale prato con adeguata cura è considerato uno dei più decorativi. Si decide di essere un prato bluegrass!

Quindi, ho comprato semi di bluegrass – il 30% in più di quelli raccomandati dal produttore. Questo è importante perché parte del materiale potrebbe non germogliare..

Per quanto mi riguarda, ho dedotto il seguente schema per la posa di un prato:

  1. In primavera e in estate preparo il terreno: pianifico, coltivo, livello, rotolo.
  2. All’inizio di agosto trascorro il trattamento con erbicidi, mi sbarazzo delle erbacce.
  3. Alla fine di agosto – concimare il terreno e seminare il prato. Mi occupo delle piantine: annaffiare, falciare, combattere le erbacce.

In questa situazione, cioè quando si semina alla fine dell’estate, il prato avrà il tempo di crescere e diventare più forte prima dell’inizio del freddo. In inverno, partirà già formato, con un fitto tappeto erboso. E in primavera sembrerà abbastanza presentabile.

Ho seguito questo schema.

Passaggio 2. Earthwork

Ho iniziato a preparare terreni per il prato in primavera, ad aprile. Forse questo è il palcoscenico più difficile da cui dipende il futuro aspetto del prato. Il lavoro viene eseguito nella seguente sequenza: coltivazione, livellamento, rotolamento (pigiatura). Il rotolamento e la pigiatura, di regola, vengono ripetuti più volte. Questo è ciò che ho letto su siti intelligenti e ciò che ho deciso di seguire incondizionatamente.

Piazzola erba bluegrass

Il sito selezionato per la rottura del prato

Inizialmente, il terreno sul sito è un terriccio pesante. Sembra non essere male, ma per il prato, a quanto ho capito, abbiamo bisogno di più terra libera. Pertanto, per migliorare e drenare la struttura, ho guidato e sparso torba e sabbia sul sito.

Si è scoperto quanto segue: sotto ho un cuscino di terriccio, sopra – una miscela di sabbia e torba. Per mescolare tutti gli ingredienti e sbarazzarmi delle erbacce, attraverso un coltivatore ho arato una trama.

Coltivatore arato del terreno

Arare con un coltivatore consente di allentare il terreno, renderlo omogeneo e rimuovere le erbacce

Coltivatore

Un tale coltivatore veniva usato per arare una trama sotto il prato.

Ora era necessario livellare il sito. Di? All’inizio ho pensato di camminare su un rastrello, ma ho una vasta area – 5 acri, non avrò un prato pianeggiante. Ho deciso di andare dall’altra parte. Tirò fuori una scala di alluminio a 6 metri dalla baracca, legò una corda ai suoi bordi.

Per peso, ho messo un carico in cima – un canale con pietre all’interno. Si è scoperto qualcosa di simile a una regola di costruzione modernizzata con cui ho camminato avanti e indietro per il sito. Ove necessario livellato, in alcuni punti ha versato terra. Il processo è stato controllato da un livello laser..

Allineamento di un microrilievo di un sito

L’allineamento del sito microrelief è un componente importante del lavoro preparatorio per la creazione di un prato

Dopo il livellamento camminava la pista. Rovesciò bene la terra. Il processo di livellamento-manomissione-irrigazione è stato ripetuto più volte, entro due mesi con controllo di livello. A metà estate, dopo le piogge, era già possibile camminare lungo il sito speronato in due ore – praticamente non c’erano tracce. Poi ho pensato che su questa terra il lavoro potesse essere completato.

Compattazione del terreno sotto il prato

Se il terreno è sufficientemente compattato, non dovrebbero esserci segni profondi su di esso quando si cammina

Passaggio 3. Trattamento erbicida

Inizialmente, ero generalmente contrario all’uso di erbicidi. Ma … Sembra che stia arando il terreno, e durante l’estate strappando costantemente erbacce maligne, ma tutte sono cresciute e cresciute. La prospettiva di un diserbo senza fine non era piacevole, soprattutto perché il tempo di semina si stava avvicinando inesorabilmente. Così ho rovesciato l’area speronata, ho aspettato che apparissero le erbacce e le ho decapate «Arrotondare».

Quindi ha rimosso l’erba secca. Due settimane dopo, è stato possibile iniziare a seminare. A proposito, a questo punto, le giovani erbacce si sono arrampicate di nuovo, ma le ho rapidamente tirate fuori – su terreno preparato non è difficile.

Passaggio 4. Concimazione del prato

A quanto ho capito, alcuni non fertilizzano affatto i loro prati o li fertilizzano una volta all’anno con qualcosa di duraturo. Probabilmente, questo approccio ha un posto dove stare, ma solo su terreni fertili, in cui originariamente venivano poste le sostanze nutritive. Il terreno sulla mia trama non è particolarmente nutriente, quindi ho deciso di seguire la strada tradizionale e di concimare ancora prima della semina.

In questa fase, la seminatrice del Texas mi è stata molto utile, che non solo può disperdere i semi, ma anche perdere i fertilizzanti. All’inizio ho versato bene il terreno, poi l’ho camminato con una seminatrice, ho introdotto ammofos (contenuto di azoto e fosforo 12-52) – 2 kg per cento metri quadrati e anche cloruro di potassio – 0,5 kg per cento metri quadrati. Nel presiedere il fertilizzante – un’attenzione speciale al fosforo. Accelera la germinazione dei semi e attiva la formazione del sistema radicale. Quindi, con le cure di base, saranno necessari altri fertilizzanti per il prato.

Fertilizzare prima della semina

La fecondazione prima della semina dei semi del prato accelererà la loro germinazione

Dopo aver sparso il pellet, mi sono legato a un piccolo erpice e sono andato per allentare il terreno. Erpice – questo è facoltativo, puoi usare un rastrello.

Allentando il terreno prima di seminare semi di bluegrass

Allentando il terreno prima di seminare semi di bluegrass

Passaggio 5. Semina i semi

E poi è iniziata la semina. Ho mescolato i semi con la sabbia, quindi ho diviso l’intero volume della miscela in due pile. Ho caricato la seminatrice in una porzione, seminata in direzione longitudinale. La seconda porzione di semi andò a seminare in direzione trasversale. Alla fine, ho camminato su un rastrello seminato per piantare un piccolo seme nel terreno. Non più di 1 cm, in modo che non lavi via con la pioggia e non sia portato via dal vento.

Semina di semi di prato

I semi di erbe del prato possono essere piantati un po ‘, rastrellando il terreno con un rastrello

Per ogni evenienza, ha rotolato i raccolti con un rullo. E cominciò ad aspettare le piantine.

Vorrei attirare l’attenzione sul momento successivo. Ho programmato la semina il 20 agosto. In questo momento, di norma, non c’è più calore secco; iniziano la stagione delle piogge e il tempo nuvoloso. Il mio prato è stato fortunato in questo senso. Dopo la semina, il tempo era nuvoloso e fresco, pioveva spesso, quindi non era necessario annaffiare prima della germinazione. Se scegli un periodo di semina diverso, ad esempio all’inizio dell’estate (in genere puoi seminare il prato da maggio a settembre), dovrai monitorare costantemente in modo che i semi non si secchino. Il terreno deve essere costantemente umido, solo allora i semi possono germogliare.

Nel caldo, dovrai annaffiare 2-4 volte al giorno, altrimenti nell’esperimento con il prato dovrai porre fine ad esso – nulla salirà o si alzerà in aree separate (dove c’era più terreno resistente all’umidità o all’ombra). Per semplificare un po ‘l’irrigazione, è consigliabile coprire l’area seminata con agrofibre nella stagione calda o secca – «Spandex», «Agrospan» eccetera. Sotto il materiale, i semi saranno protetti dalla perdita di umidità, vento, sole caldo. Pertanto, sotto l’agrofibra l’erba cresce più velocemente che nelle aree aperte. Tuttavia, non appena è salita, «serra» consigliato da rimuovere. E prenditi cura del prato nella solita modalità tradizionale.

Passaggio 6. Cura delle prime piantine

I primi germogli del mio prato bluegrass sono comparsi il decimo giorno di semina. Erano piccole stringhe sottili, tiri irregolari. Pensavo di doverlo seminare, ma no. In ritardo tra un paio di giorni, i semi in ritardo si schiudono.

Prato germogliato Bluegrass

Su un prato giovane che è appena salito, è meglio non muoversi, per non calpestare l’erba piccola

Proprio in quel momento, c’era un riscaldamento, non c’era pioggia per qualche tempo. Ho installato irroratrici e annaffiato giovani fori ogni giorno al mattino. Le piantine sono molto tenere, se si seccano un po ‘- tutti muoiono. La terra dovrebbe essere costantemente leggermente umida fino a quando i germogli hanno un apparato radicale più o meno sviluppato. A giudicare dalla mia esperienza, ciò accade quando i fili d’erba raggiungono i 4-5 cm, dopodiché puoi rilassarti un po ‘. Ma solo un pochino. Prima della prima falciatura, l’essiccazione della terra può essere fatale per il prato, è molto sensibile alla siccità.

Speravo davvero che il freddo non arrivasse prima del tempo e che avrei avuto il tempo di falciare il prato per la prima volta, formare un bellissimo tappeto e guardare il lavoro delle mie mani in tutto il suo splendore. E così è successo. Dopo 3 settimane, l’erba ha raggiunto un’altezza di circa 8 cm, è stato possibile falciare. Al mattino ho rovesciato bene il prato, ho tirato fuori un tosaerba – e via! Ho tagliato non più del terzo superiore dei fili d’erba per non danneggiare le giovani piante. Il risultato mi è piaciuto: un tappeto uniforme, abbastanza denso, di un colore gradevole. Dopo la falciatura, le piogge sono state caricate. Fino all’inverno, non ho innaffiato il prato o falciato. L’esperimento e le osservazioni sul prato continuarono la primavera prossima.

Prato dopo la prima falciatura

Nel mese di ottobre, il prato è stato pulito per la prima volta.

Step 7. Attività di cura del prato giovane

In primavera, dopo lo scioglimento della neve, il prato è rimasto a lungo seduto «immobile», probabilmente a causa del freddo. Dato che c’erano piccoli germogli, rimanevano, anche il colore lasciava molto a desiderare: una specie di giallo grigiastro. Ma apparvero erbacce dimenticate per metà. All’inizio ho provato a tirarli fuori, e poi incisi «Lintur». Le erbacce erano ammassate, poi ce n’erano già meno – il prato stesso forma gradualmente un tappeto erboso denso e fa fuoriuscire indesiderabili «vicinato». Sì, e falciarli non funziona nel modo migliore.

Prato bluegrass dopo l'inverno

Dopo l’inverno, il colore del prato lascia molto a desiderare.

La crescita visibile del prato iniziò quando la terra si riscaldò sufficientemente, ad una temperatura di 10-15 ° C. Ora puoi vedere il risultato: il supporto dell’erba è completamente formato, sopravvive bene all’inverno e diventa più forte.

Prato bluegrass a maggio

Il prato è già cresciuto e diventa verde – maggio

Prato bluegrass a giugno

Prato bluegrass completamente formato – giugno

Successivamente cura il prato, lo faccio:

  1. Irrigazione secondo necessità. Non tutti i giorni, ma solo dopo aver asciugato la terra. L’irrigazione dovrebbe essere abbondante, ma scarsa. In autunno, prima del freddo, è meglio astenersi dall’innaffiare, altrimenti il ​​prato non svernerà bene.
  2. Fertilizzante. Per il mio prato, uso uno schema di alimentazione tre volte per la stagione, cioè solo 3 volte con un intervallo di un mese. Uso qualsiasi concime per erbe da prato con una combinazione approssimativa degli elementi di base 4: 1: 2 (azoto, fosforo, potassio).
  3. Falciatura. Nel secondo anno di vita del prato, passavo alla falciatura settimanale, ogni volta che tagliavo non più di un terzo della lunghezza dell’erba.

Queste regole mi aiutano a mantenere il prato in buone condizioni. Il risultato mi va bene, penso che l’esperimento con il prato sia stato un successo.

Peter K.

logo

Leave a Comment