Articoli dai nostri lettori

Master class passo-passo sulla costruzione di un gazebo: semplice ma di buon gusto

Master class passo-passo sulla costruzione di un gazebo: semplice ma di buon gusto

L’estate scorsa, ho programmato di migliorare un po ‘l’area suburbana. Assegnazioni leggermente ridotte per i letti da giardino, ma allocati contatori aggiuntivi per un’area ricreativa. Lo spazio libero era sufficiente per un piccolo giardino fiorito, un paio di cespugli, una piscina gonfiabile. Ma per un buon riposo non è bastato. Hai bisogno di un gazebo. La sua costruzione ho deciso di fare durante le vacanze.

Inizialmente, avevo pianificato di fare qualcosa di molto semplice, come un baldacchino su quattro pilastri. Ma poi, dopo aver consultato costruttori familiari, mi sono reso conto che era possibile costruire una struttura più complessa. Anche su pali, ma con pareti e tetto pieno.

Ho dovuto sedermi ai progetti, disegnare il progetto. Sulla carta accadde quanto segue: un pergolato in legno 3×4 m, su una base colonnare con un tetto a due falde coperto di ardesia. Il progetto è stato approvato dal consiglio di famiglia, dopo di che mi sono rimboccato le maniche e mi sono messo al lavoro. Tutte le fasi del lavoro sono state eseguite da sole, anche se, devo ammetterlo, in alcuni momenti l’assistente non avrebbe interferito. Porta, archivia, taglia, tieni … Insieme, sarebbe più facile lavorare. Tuttavia, ci sono riuscito da solo.

Proverò a descrivere in dettaglio le fasi della costruzione, poiché le piccole cose in questa materia si sono rivelate molto importanti.

Soddisfare

Fase 1. Fondazione

Secondo il piano, il gazebo dovrebbe essere leggero, costruito con assi e legno, quindi la base ottimale per esso è colonnare. Ho iniziato la mia costruzione con lui.

A questo scopo ho preso una piattaforma adatta vicino al recinto per le dimensioni del pergolato 3×4 m. Ho messo i pioli (4 pezzi) negli angoli – ecco le colonne di fondazione.

Contrassegnare gli angoli di un futuro gazebo

Contrassegnare gli angoli di un futuro gazebo

Prese una pala e scavò 4 fori quadrati profondi 70 cm in un paio d’ore. Il terreno nella mia zona è sabbioso, non congela molto, quindi è abbastanza.

Incavi per colonne di fondazione

Incavi per colonne di fondazione

Al centro di ogni incavo, mi sono messo su una barra di rinforzo, 12 mm di diametro, 1 m di lunghezza, che saranno gli angoli del gazebo, quindi devono essere installati chiaramente in piano. Ho dovuto misurare le diagonali, la lunghezza del perimetro e l’armatura verticale.

Marcatura con un filo di diagonali e perimetro della base del gazebo

Marcatura con un filo di diagonali e perimetro della base del gazebo

Dopo aver smantellato i vecchi edifici sul sito, ho ancora un mucchio di mattoni rotti. L’ho messo sul fondo degli incavi e ho versato del cemento liquido sopra. Si è scoperto una base di cemento sotto le colonne.

Cuscino in mattoni rotti

Un cuscino in mattoni rotti per una base in cemento contribuirà a una distribuzione uniforme della pressione tra la fondazione e il terreno

Base in mattoni di cemento

Base in mattoni di cemento

Due giorni dopo, il cemento si è bloccato, sulle fondamenta ho costruito 4 colonne di mattoni in piano.

Pronto 4 colonne negli angoli, ma la distanza tra loro si è rivelata troppo grande – 3 me 4 m. Pertanto, tra loro ho installato altre 5 colonne uguali, solo senza rinforzo al centro. In totale, i supporti per il gazebo sono diventati 9 pezzi..

Ho intonacato ogni supporto con una soluzione e poi – l’ho perso con il mastice. Per l’impermeabilizzazione, sopra ogni colonna, ho posato 2 strati di materiale di copertura.

Fondazione colonna sotto il pergolato

Il supporto dei pilastri in mattoni servirà come base affidabile per la base del gazebo

Fase 2. Realizziamo il pavimento del gazebo

Ho iniziato con l’imbracatura inferiore, su di esso, infatti, l’intero telaio sarà tenuto. Ho comprato una barra da 100×100 mm, tagliata a misura. Per rendere possibile il collegamento a metà dell’albero, alle estremità delle barre ho fatto una sega con una sega e uno scalpello. Successivamente, ha assemblato l’imbracatura inferiore, in base al tipo di costruttore, infilando la barra sul rinforzo negli angoli. Ho preforato i fori per i raccordi con un trapano (ho usato un trapano su un albero con un diametro di 12 mm).

Assemblaggio delle barre nel design dell'imbracatura inferiore

Assemblaggio delle barre nel design dell’imbracatura inferiore

Le barre sono state posate sui pali della fondazione – 4 pezzi. lungo il perimetro del gazebo e 1 pz. al centro, lungo il lato lungo. Alla fine del processo, l’albero è stato trattato con protezione antincendio.

Cablaggio inferiore posato sui pali della fondazione

L’imbracatura inferiore posta sulle colonne della fondazione fungerà da cassa per il pavimento della plancia

È tempo di bloccare il pavimento. Sin dai tempi antichi, assi di quercia delle giuste dimensioni – 150x40x3000 mm – hanno spolverato la mia casa e ho deciso di usarli. Dato che non erano del tutto uniformi e un po ‘accartocciati, ho dovuto guidarli attraverso il calibro. Lo strumento era a disposizione del mio vicino, era un peccato non usarlo. Dopo il processo di livellamento, le schede si sono rivelate abbastanza decenti. Sebbene i trucioli formassero ben 5 sacchetti!

Ho inchiodato le assi alle unghie. Il risultato è stato un pavimento in rovere piatto.

Pavimento in listone di rovere

Pavimento in listone di rovere

Fase 3. Costruzione del muro

Dalla trave esistente 100×100 mm, ho tagliato 4 rack di 2 m, che verranno installati negli angoli del gazebo. Dalle estremità degli scaffali ho praticato dei fori e li ho posizionati su barre di rinforzo. Soprattutto non reggevano la verticale e si sforzavano di muoversi nel momento più inopportuno. Pertanto, li ho riparati con i fiocchi, appositamente tagliati per questo business nella casella mitra. Ha inchiodato i ukosin sulle assi del pavimento e sugli scaffali. Solo dopo ciò le cremagliere non si inclinavano più lateralmente e non ondeggiavano dal vento.

Sta negli angoli di un futuro gazebo

Sta negli angoli di un futuro gazebo

Quando sono stati installati i pali angolari, ho fissato altri 6 pali intermedi. Li ho anche riparati con i fiocchi.

Quindi ha tagliato 4 travi e, per analogia con la cinghia inferiore, ha fissato la cinghia superiore alle estremità superiori delle cremagliere. L’unione della trave è stata eseguita anche a metà dell’albero..

Una serie di ringhiere orizzontali si avvicinò. Formeranno le pareti del gazebo, senza le quali l’intera struttura sembrerà un normale baldacchino. Ho tagliato la ringhiera da una barra 100x100mm e per la parete posteriore ho deciso di risparmiare un po ‘e ho preso una tavola da 100×70 mm. Esclusivamente per la cassa, si adatta una versione così leggera.

Telaio pergolato con rack, binari e imbracatura

Telaio pergolato con rack, binari e imbracatura

Per installare la ringhiera, ho fatto dei tiranti negli scaffali, ho installato traverse orizzontali e chiodi martellati. Poiché si presume che si appoggeranno alla ringhiera, è impossibile lasciare una tale connessione. Ulteriori parti di fissaggio sono necessarie per la rigidità. In questa veste, ho usato dei bracci aggiuntivi che hanno eliminato il fondo della ringhiera. Non ho messo i fiocchi sulla parete posteriore, lì ho deciso di fissare la ringhiera con gli angoli dal basso.

Dopo tutto, ho ripreso l’aspetto degli elementi in legno del gazebo. Per cominciare, lucidate l’intero albero con una smerigliatrice. Non avevo un altro strumento. Così ho preso la smerigliatrice, ho messo su una mola e mi sono messa al lavoro. Pur cancellando tutto, ci è voluta un’intera giornata. Ha lavorato con un respiratore e occhiali, perché si è formata molta polvere. Dapprima volò in aria, poi si sedette, dove voleva. L’intera struttura era coperta da essa. Ho dovuto prendere uno straccio e un pennello e pulire tutte le superfici polverose.

Quando non c’era traccia di polvere, ho verniciato l’albero in 2 strati. Utilizzato per questa macchia di vernice «Rolox», Colore «Castagna». Il design ha brillato e acquisito una tonalità nobile..

Cornice pergolato dipinta con mordente a 2 strati e mordente per vernice

Cornice pergolato dipinta con mordente a 2 strati e mordente per vernice

Fase 4. Capriata del tetto

È giunto il momento di gettare le basi del futuro tetto, in altre parole, per esporre il sistema di travi. Il tetto è un solito tetto a due falde composto da 4 capriate triangolari. L’altezza dalla cresta all’imbracatura è di 1 m. Dopo i calcoli, si è scoperto che era un’altezza tale che guardava il pergolato in proporzione.

Per le travi sono state utilizzate tavole di 100×50 mm. Ogni fattoria che ho composto da due travi collegate da un massetto. Sulla parte superiore, su entrambi i lati, ci sono rivestimenti OSB inchiodati attorno al perimetro con chiodi. Secondo il piano, le travi poggiano sull’imbracatura superiore, quindi ho fatto dei lacci alle estremità – in dimensioni adatte all’imbracatura. Ho dovuto armeggiare un po ‘con le inserzioni, ma niente, in 2 ore ho affrontato questo.

Capriate per un tetto di un pergolato

Travi del tetto assemblate da pannelli e fissate sulla parte superiore con sovrapposizioni OSB

Ho installato fattorie ogni metro. All’inizio espose, mantenendo la verticale, poi – riparato con viti autofilettanti. Si è scoperto che far fronte alle travi non è così facile. Quindi mi sono pentito di non aver preso nessuno come assistente. Tormentato per un’ora, li ho ancora impostati, ma consiglio a tutti coloro che seguono le mie orme di chiedere a qualcuno di aiutare in questa fase. Altrimenti, puoi ottenere un’inclinazione, quindi devi assolutamente rifare tutto, il che ovviamente non ti aggiungerà entusiasmo nel lavoro.

Dato che il tetto del gazebo non sarà sottoposto a carichi maggiori, ho deciso di non posizionare la trave di colmo, ma di fissare le travi con una cassa da una tavola di 50×20 mm. C’erano 5 pezzi di legno su ogni rampa. Inoltre, 2 di loro ho riempito su entrambi i lati della cresta ad una distanza di 2 cm dalle cime delle capriate. In totale, la cassa per ogni pendenza era composta da 2 assi estremi (uno «detiene» cavallo, il secondo – forma una pastinaca) e 3 intermedi. Il design si è rivelato abbastanza forte, non funzionerà più.

Tornitura sulle travi del tetto

La cassa lega le capriate del tetto e servirà come base per fissare l’ardesia

Nella fase successiva, ho aperto le travi e il pavimento con due strati di vernice.

Fase 5. Rivestimento di pareti e tetti

Successivamente – ha proceduto a rivestire i fianchi con una fodera in pino. Inizialmente, riempì le barre di 20×20 mm sotto la ringhiera attorno al perimetro e inchiodò loro il rivestimento con piccoli chiodi. La parete posteriore è completamente bloccata, e il lato e la parte anteriore – solo dal basso, alla ringhiera. Alla fine del processo, ha dipinto il rivestimento con una macchia di vernice.

Solo il tetto è rimasto incompiuto. L’ho coperto con ardesia colorata con 5 onde, colore – «cioccolato». 9 fogli di ardesia sono andati su tutto il tetto, in alto – anche l’elemento di cresta è marrone (4 m).

Rivestire le pareti del gazebo con una fodera in pino

Il rivestimento murale con una fodera in pino proteggerà lo spazio interno del gazebo dal vento e dal sole

Ardesia colorata sul tetto del gazebo

L’ardesia colorata non sembra peggiore dei moderni materiali di copertura e in termini di durata li supera di gran lunga

Poco dopo ho intenzione di realizzare finestre rimovibili nelle aperture per proteggere lo spazio del gazebo in inverno. Abbatterò i telai, inserirò del materiale leggero (policarbonato o polietilene – non ho ancora deciso), e poi li installeranno nelle aperture e li rimuoveranno se necessario. Forse farò qualcosa di simile con le porte.

Nel frattempo, forse è tutto. Penso che questa opzione piacerà a coloro che vogliono costruire un gazebo in modo rapido, semplice ed economico.

Gregorio C..

logo

Leave a Comment