pitture e vernici

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

Alcune vernici non sono in grado di indurirsi da sole. Per fare ciò, hanno bisogno di speciali componenti di polimerizzazione che provocano una reazione di polimerizzazione. È attivamente utilizzato per creare varie composizioni e altri compiti decorativi e di costruzione. E la stessa sostanza polimerizzante è chiamata indurente per tali scopi..

Appuntamento e funzioni ↑

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

Le pitture e le vernici convenzionali si induriscono per evaporazione del liquido. Tuttavia, per alcune vernici ed epossidici tale processo non è possibile. Il loro rifiuto è un processo di reazione chimica in cui una sostanza polimerizza e acquisisce una struttura stabile.

Tuttavia, l’indurente non è un catalizzatore di reazione, ma il suo pieno partecipante. Si combina con la sostanza, portando alla sua polimerizzazione. Pertanto, è importante rispettare il dosaggio quando si utilizza l’indurente da soli, poiché la qualità finale del prodotto (uniformità, trasparenza, durezza e durata) dipende dal rapporto..

Le proprietà dell’indurente dipendono direttamente dalla sua composizione chimica. Composizioni diverse sono utilizzate per diversi tipi di resine epossidiche che si differenziano per condizioni di indurimento, durata e altri fattori. Pertanto, è necessario selezionare l’indurente appropriato, adatto alla marca di sostanza esistente.

Tipi di indurenti ↑

Esistono molti tipi di indurenti utilizzati per diverse composizioni di resina. Differiscono nella composizione, che influenza il tasso di solidificazione, la struttura futura della resina, le sue proprietà fisiche e altri aspetti. Ora ci sono diversi tipi di queste sostanze:

  1. Tipo acido. Include una varietà di acidi dicarbossilici e le loro anidridi. Per eseguire la reazione di polimerizzazione, questi indurenti richiedono condizioni di temperatura adeguate (fino a 200 ° C). Questo gruppo è anche indicato come indurente..
  2. Tipo di ammina. Include varie ammine: l’opzione più semplice e più comune per le resine epossidiche. Le sostanze amminiche consentono alla resina di solidificarsi a temperatura normale, pertanto il loro uso non richiede attrezzature speciali.
Importante! Alcune sostanze del gruppo amminico richiedono un piccolo riscaldamento (fino a 80 ° C). Se l’attrezzatura necessaria per questo non è disponibile, allora dovresti scegliere un’altra opzione..

Sebbene il tipo di ammina sia più comune, i risultati più efficaci si ottengono utilizzando indurenti acidi. Gli epossidici vulcanizzati a caldo ottengono le migliori proprietà fisiche e chimiche, il che influisce sulla loro affidabilità e durata.

Tra i più comuni agenti indurenti del gruppo amminico:

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

  • Polietilene poliammide (PEPA)
  • Triethylenetetramine (THETA)
  • Amminilacrilati
  • poliammine

Gli ultimi due tipi sono i tipi di sostanze utilizzate per la cura intensiva..

Nel gruppo acido si notano varie anidridi di acido dicarbossilico, tra cui:

  • ftalico
  • maleica
  • Metilene
  • Methyltetrahydrophthalic
  • esaidroftalico

E altri come loro. I prodotti che utilizzano indurenti acidi hanno buone proprietà dielettriche, sono resistenti alla temperatura e all’umidità. Pertanto, vengono spesso utilizzati per l’isolamento elettrico o come elemento di giunzione per plastica rinforzata..

Interessante! Per le resine la cui massa molare supera 1000, durante l’indurimento vengono utilizzate sostanze speciali. Queste sono resine sintetiche presenti in adesivi e vernici..

Diversi tipi di indurenti hanno un’efficacia diversa, che influisce sulle caratteristiche della resina. Pertanto, vale la pena scegliere l’opzione adatta che ti permetterà di ottenere il miglior risultato..

Come e in quali proporzioni diluire l’epossidico dell’indurente ↑

Il processo di miscelazione della resina epossidica con l’indurente influisce direttamente sul risultato finale. Pertanto, è necessario misurare attentamente tutto, scegliendo le proporzioni ottimali e raggiungendo lo stato ottimale della miscela. Per fare ciò, sono richiesti i seguenti strumenti:

  • Nave di miscelazione
  • Due siringhe
  • Mescolare

Così come l’epossidico stesso insieme all’indurente. Spesso vengono consegnati insieme, quindi devono combaciare tra loro. È inoltre necessario conoscere in anticipo il rapporto tra questi due componenti per ottenere il risultato ottimale. Sebbene possa variare leggermente, spesso si consumano 10-15 g di indurente per 100 g di resina.

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica La preparazione della resina epossidica finita avviene in più fasi:

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

  1. L’epossidico viene raccolto nella prima siringa e posto in un bicchiere. È necessario misurare in anticipo le proporzioni e il rapporto tra le sostanze necessarie per il lavoro.
  2. Nella seconda fase, un indurente viene raccolto nella seconda siringa e inviato allo stesso vaso. È necessario tenere conto delle proporzioni e svuotare gradualmente la siringa. Devi mescolare in questo ordine, ciò aumenterà la durata della miscela.
  3. Successivamente, la miscela viene accuratamente miscelata senza l’uso di utensili elettrici. È necessario raggiungere la completa omogeneità, poiché ciò influirà sulle caratteristiche finali della resina indurita.

La miscela viene quindi applicata nell’area desiderata e si indurisce gradualmente..Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

Importante! Durante la miscelazione, non utilizzare strumenti che semplificano l’attività. Una miscelazione intensiva può riscaldare o schiumare la resina, il che influirà sulle sue prestazioni e sulla velocità di polimerizzazione..

Sebbene la miscela si indurisca abbastanza a lungo, può essere utilizzata per un breve periodo di tempo. Dopo alcuni minuti, inizia il processo di polimerizzazione, dopodiché un cambiamento nella struttura influenzerà le caratteristiche della sostanza.

Mancia! Sebbene l’indurente sia spesso abbastanza liquido, non è possibile aggiungerlo per ottenere la consistenza desiderata della miscela. Se è troppo denso, quindi prima di mescolare, puoi riscaldare leggermente la resina a bagnomaria. Ciò renderà più liquido, ma accelererà la polimerizzazione, quindi questo processo dovrebbe essere eseguito subito prima del suo utilizzo..

La miscelazione di indurente e vernice è identica. Tuttavia, il tempo di indurimento dei rivestimenti è inferiore, quindi è necessario applicarli immediatamente. Quando si lavora con una pistola a spruzzo, è meglio usare composti leggeri, che ridurranno il carico sullo strumento.

Come si può sostituire l’indurente ↑

Indurente fai-da-te per vernice e resina epossidica

Sebbene l’indurente sia venduto nella stessa confezione con la resina per la condivisione, a volte non è sufficiente. Ciò è dovuto al fatto che è piuttosto difficile osservare il dosaggio esatto senza una siringa. Tuttavia, è estremamente difficile trovare un indurente separato sul mercato, poiché le marche popolari di questa sostanza sono raramente disponibili in commercio..

A casa, l’indurente non può essere sostituito con quasi nulla. Gli strumenti a portata di mano non funzioneranno, è necessario acquistare la chimica appropriata: indurenti poco noti. In vendita puoi trovare le seguenti opzioni:

  1. Etal-45M
  2. Indurente CHS P-11
  3. Telalit 410
  4. Dietilene triamina

Sono più facili da trovare sul mercato, ma l’uso di queste sostanze può parzialmente differire dall’uso di polietilene poliammina. Si consiglia di chiarire il dosaggio con il metodo di prova e selezionare il rapporto ottimale con la resina.

Importante! Alcuni indurenti per la loro composizione hanno caratteristiche d’uso. Vale la pena considerare questo quando si lavora con loro..

E per una conoscenza più dettagliata della preparazione della resina epossidica e del suo utilizzo, si consiglia di guardare il seguente video:

logo

Leave a Comment