pitture e vernici

La scelta della vernice migliore per le porte interne

Quando iniziamo le riparazioni nella nostra casa, proviamo a prendere in considerazione ogni dettaglio degli interni, per dare a tutte le stanze un aspetto fresco, originale e moderno. Allo stesso tempo, non dimenticare le porte interne, che conferiscono agli interni un aspetto completo. La completa sostituzione dell’anta è sempre una grande spesa. Ma esiste un modo più semplice ed economico per trasformare la vecchia e più economica porta in una lussuosa e costosa, utilizzando materiale di alta qualità e osservando la tecnologia.

La vernice correttamente selezionata è la chiave del fatto che la porta può salvare o acquisire un aspetto attraente. Ecco perché è necessario sapere quale vernice è più adatta per le porte interne..

La scelta della vernice migliore per le porte interne

Attualmente, non ci sono problemi nella scelta di una vernice, tuttavia, la maggior parte delle persone acquisisce inconsapevolmente qualcosa che non è realmente necessario. Per la verniciatura di porte interne, è possibile utilizzare rivestimenti trasparenti, in cui vengono aggiunti pigmenti speciali che presentano una struttura in legno. Composizioni opache più spesso utilizzate: alchidi, oli e altri tipi di vernici.

Tipi di vernici per porte interne ↑

Il mercato moderno offre un gran numero di tinte, vernici, impregnazioni e vernici diverse. E da tutto questo vasto assortimento devi scegliere la migliore vernice inodore.

Per rendere la casa sicura, è meglio scegliere la vernice a base d’acqua per le porte interne. Questo materiale è resistente all’umidità e alle variazioni di temperatura, si asciuga rapidamente e ha una maggiore elasticità. Questo tipo di vernice può essere diviso per scopo:

  • Emulsione acquosa Nonostante sia utilizzato principalmente per dipingere pareti e soffitti, può anche essere usato per dipingere porte, che possono quindi essere verniciate con vernice trasparente. Poiché lo smalto è a base d’acqua, non ha odori, si asciuga rapidamente ed è economico.
  • Acrilico Inoltre è a base d’acqua e, oltre a verniciare porte interne in MDF, può essere utilizzato anche per la verniciatura di superfici in calcestruzzo. Tale smalto dovrebbe essere applicato in 2-3 strati, poiché viene rapidamente assorbito sia in MDF che in legno. Prima di applicare la vernice, rivestire prima la superficie della porta. Esiste una versione ad asciugatura rapida di questo smalto. L’essiccazione avviene dopo 10 ore e la piena si ottiene dopo 2 giorni. Sebbene tale vernice sia costosa, le sue caratteristiche giustificano pienamente questo prezzo..
    La scelta della vernice migliore per le porte interne
  • ACRYLAC. Le porte interne in legno naturale, di norma, sono trattate con vernici speciali, che consentono di preservare l’aspetto naturale dell’albero. Lo strato di vernice è in grado di proteggere l’anta dalla polvere e dall’umidità..
  • Interni. Affinché la vernice si adatti bene all’anta della porta in MDF, è necessario scegliere uno smalto resistente. Gli smalti acrilici speciali incorporano speciali additivi che consentono alla porta di conservare il suo aspetto originale per un tempo piuttosto lungo.
    La scelta della vernice migliore per le porte interne
  • Smalto termico, a base d’acqua. In genere, questa vernice viene utilizzata per dipingere le batterie, ma è anche ottima per dipingere sulle porte. Un’ora dopo aver dipinto la porta può essere utilizzata, il che è un grande vantaggio.
  • Nitro-Paint. Permette di ottenere la massima conservazione del colore a lungo termine. Questa vernice non teme l’umidità e il calore. Tuttavia, lo svantaggio è che la vernice contiene sostanze tossiche e pertanto è indispensabile utilizzare un respiratore quando si lavora con esso. Poiché l’odore della vernice nitro è pericoloso per i bambini e le persone allergiche, è altamente indesiderabile usarlo per colorare le porte della stanza dei bambini.

La sequenza di pittura dell’anta. ↑

La vernice più comune oggi è considerata lo smalto alchidico, che ha un’elevata resistenza al rivestimento, un’ampia gamma di colori e un prezzo accessibile. Lo svantaggio è un odore sgradevole e quindi è meglio dipingere il dipinto sulla strada o rimuovere persone non autorizzate.

La scelta della vernice migliore per le porte interne

Se non è possibile soddisfare tutti questi requisiti, vale la pena utilizzare lo smalto acrilico, che ha anche una vasta tavolozza di colori, ma praticamente non ha odore. Lo strato di vernice essiccata non è troppo forte e quindi è ricoperto di vernice acrilica. Gli svantaggi dei coloranti acrilici comprendono l’alto costo e la superficie opaca.

Strumenti ↑

Per dipingere qualitativamente le porte interne avrai bisogno di:

La scelta della vernice migliore per le porte interne

  • pennelli;
  • rulli di vernice;
  • una piccola spatola metallica ed è anche desiderabile avere gomma o silicone;
  • vassoio per vernice;
  • nastro per mascheratura;
  • carta vetrata.

Smalto alchidico ↑

La pittura delle porte interne prevede diverse fasi.

Primo passo. Per eseguire una verniciatura di alta qualità, è necessario prima rimuovere la porta dai cardini, poiché ciò non viene fatto, sulla superficie potrebbero formarsi macchie di vernice. Usando una spatola e una carta vetrata, il vecchio rivestimento è stato rimosso dalla superficie della porta, quindi lavare a fondo l’anta e ispezionarla. Se necessario, è necessario stuccare tutte le scheggiature e le crepe, asciugare la porta, carteggiarla, pulire la porta e adescare la superficie.

La scelta della vernice migliore per le porte interne

A volte può essere molto difficile rimuovere diversi strati di vecchie pitture. Può essere ammorbidito con un asciugacapelli o una fiamma ossidrica. Fiamme o aria calda riscaldano la vernice fino a quando non compaiono bolle, dopodiché viene rimossa con una spatola. Nel caso in cui ci siano degli occhiali nella porta, è necessario smontarli insieme agli accessori.

È anche possibile rimuovere la vecchia vernice dall’anta della porta usando sostanze chimiche prodotte sotto forma di gel, liquidi e polveri. Sono venduti in diversi contenitori: vengono imbottigliati e confezionati in bombolette spray. Tali prodotti sono universali e dissolvono perfettamente le vernici viniliche, oleose, alchidiche e nitrocellulosiche. La vernice viene applicata sulla superficie dell’anta con una spazzola, un rullo o una pistola a spruzzo e può resistere a 5-20 minuti.

Seconda fase. Preparata per la verniciatura, l’anta deve essere posata su una superficie orizzontale, che deve essere prima coperta con polietilene. Come tale superficie, è adatto un pavimento, un tavolo o un banco da lavoro. Il vetro sulla porta è sigillato con nastro adesivo. Prima di tutto, è necessario dipingere i pannelli con una spazzola, dopo gli elementi sporgenti, quindi l’intera anta viene arrotolata con un rullo.

Mancia! Quando si applica la vernice alchidica in due strati, il suo consumo sarà di 40-80 g / m?.

Terzo stadio. Puoi anche immergere l’anta con un composto colorato speciale, che viene utilizzato come vernice a base di oli naturali. Uno strato di colorazione appena applicato deve essere eseguito più volte con una spatola di gomma. La composizione è assorbita dalle fibre di legno, cambiando così il colore dell’anta.

Per tingere la porta, puoi usare una spugna invece di una spatola, che è immersa nella vernice e trasportata lungo la superficie della tela, premendola fortemente lungo le fibre di legno. Lo svantaggio di questa opzione sono i grandi costi di tempo.

Selezione colore ↑

Tutte le vernici inodori sopra hanno una vasta tavolozza di colori e quindi la scelta del colore non dovrebbe essere un problema particolare, anche se decidi di fare qualcosa di straordinario.

Tali tonalità scure come «noce rossa», «mogano» o «ciliegie» donerà lusso e raffinatezza alla hall o al soggiorno della tua casa. Ma i colori chiari sembrano fantastici nella stanza dei bambini o nella camera da letto, dove possono aiutare a creare un ambiente confortevole e accogliente..

La scelta della vernice migliore per le porte interne

L’ultima tendenza della moda oggi è l’applicazione di motivi contrastanti sull’anta. Per fare questo è abbastanza semplice, devi solo trovare lo stencil appropriato nel negozio o sul Web e selezionare i colori desiderati.

La scelta della vernice migliore per le porte interne

È possibile aggiornare la porta interna in altri modi. Ad esempio, oltre a dipingere l’anta, puoi incollarlo con uno sfondo fotografico speciale. Ma se si sceglie la pittura, allora dovrebbe essere eseguita nel rispetto della tecnologia e delle misure di sicurezza.

Riassumendo ↑

Come possiamo vedere, il mercato moderno offre una vasta gamma di materiali per la verniciatura delle porte interne e tutti hanno le loro proprietà e caratteristiche distintive. Grazie alla comparsa di vernici inodore, è diventato possibile colorare le porte in qualsiasi momento dell’anno, senza preoccuparsi del fatto che non sarà possibile rimanere nella stanza per un po ‘di tempo. Tali vernici e vernici hanno reso la riparazione più comoda e confortevole..

logo

Leave a Comment