pitture e vernici

Base e composizione di smalto

La vernice è uno dei materiali di finitura più popolari. Smalto: il più richiesto “concorrenti”. La sua popolarità è dovuta alla sua facilità d’uso e all’aspetto piacevole dopo il completamento del lavoro – si ottiene una bella superficie lucida, inoltre, il costo di questo materiale è piuttosto basso. Affinché la superficie finita in questo modo duri il più a lungo possibile, devi scegliere la vernice giusta.

Base e composizione di smalto

Che cos’è la vernice smaltata ↑

Questo materiale è uno dei tipi di rivestimenti. La composizione della vernice a smalto comprende 5 dei seguenti componenti:

  • Vernice;
  • Solvente o spirito bianco;
  • fillers;
  • Una varietà di additivi funzionali;
  • Pigmenti di un certo colore, quello che dovrebbe rivelarsi una tonalità di smalto.

Gli smalti possono essere utilizzati per eseguire varie opere, sia esterne che interne, poiché si adattano bene a qualsiasi superficie. Le vernici a smalto sono adatte a qualsiasi materiale: legno, metallo, cemento e persino mattoni. Tuttavia, va ricordato che in condizioni di incendio è meglio non usarlo, poiché la vernice contenuta nella composizione è infiammabile.

Gli smalti hanno buone proprietà prestazionali, proteggono bene la superficie ruvida dall’umidità elevata e dalle aggressioni ambientali. In questo caso, prima della colorazione, praticamente non è necessario eseguire la preparazione, ma ne parleremo più avanti.

Base e composizione di smalto

Tipi di smalti ↑

Esistono vari tipi di vernici a smalto, quindi eccone un elenco:

  • Smalto alchidico – considerato il più popolare. La vernice allo smalto alchidico presenta numerosi vantaggi: sono resistenti, facili da applicare, hanno una struttura elastica e si asciugano rapidamente. Sono molto spesso utilizzati in ambienti con elevata umidità, ad esempio in bagni o piscine, poiché tollerano temperature estreme ed esposizione all’umidità. La vernice alchidica, come qualsiasi altra, ha una sua designazione, in modo che possa essere facilmente trovata, ad esempio, con una base pentaflanel, è designata come PF-253. Anche i numeri hanno il loro significato, la prima cifra è lo scopo, quindi 1 – per lavori all’aperto, 2 – per lavori interni. Le ultime 2 cifre sono il numero nel catalogo;
  • Smalto nitro – La base di questo tipo di vernice a smalto è il nitrato di cellulosa. La loro caratteristica è che si asciugano quasi istantaneamente in condizioni normali, a temperatura ambiente. Tuttavia, l’inquinamento ambientale con vernici a smalto di questo tipo è molto elevato. Pertanto, il loro uso in molti paesi è significativamente limitato o completamente proibito. Molto spesso vengono utilizzati per dipingere superfici in legno. L’applicazione di un tale rivestimento viene eseguita principalmente con l’aiuto di spray speciali, lo fanno, poiché la vernice ad asciugatura rapida viene applicata molto male nel solito modo fisico;
  • Smalti poliuretanici – Il vantaggio principale è la resistenza all’usura. A questo proposito, vengono utilizzati per la verniciatura di pavimenti in locali di uso generale, ovvero ad alto traffico, ad esempio nei corridoi delle scuole o nei musei. Il secondo giorno dopo il completamento dei lavori, la superficie verniciata è completamente pronta per l’uso. Ricorda le precauzioni di sicurezza, le vernici a smalto sono tossiche, quindi devi lavorare con loro in speciali dispositivi di protezione – guanti e occhiali. La stanza deve essere ventilata durante e dopo il completamento dei lavori.

Come scegliere la vernice a smalto giusta ↑

La prima cosa da fare è guardare l’etichetta e le condizioni della lattina stessa con il materiale. È importante che il barattolo sia intatto e non presenti danni visibili, come ammaccature e altre cose. È importante ricordare questo, perché se la tenuta della lattina si rompe, la vernice si seccherà sicuramente o perderà le sue proprietà. In secondo luogo, la vernice deve essere utilizzata dopo l’acquisto o durante la data di scadenza, l’importante è non lasciarla a lungo, altrimenti perderà di nuovo le sue proprietà. Infine, guarda l’etichetta di imballaggio GOST, ogni prodotto di vernice ha il suo GOST, quindi scopri quello che ti serve prima di acquistare.

Assicurati di prestare attenzione ai numeri sopra menzionati. Pertanto, non è possibile applicare la vernice all’interno, che è destinata alla verniciatura di superfici esterne. È meglio non sbagliare a studiare tutti i simboli digitali in anticipo.

Base e composizione di smalto

Lo smalto dipinge l’applicazione e le sottigliezze ↑

La prima cosa che vale la pena menzionare quando si parla di lavorare con questo materiale di finitura è se è necessario stuccare la superficie sotto la vernice a smalto. Su questo tema, possiamo dire che non lo è affatto, lo smalto ha una buona adesione con tutti i materiali noti, quindi non è necessaria la preparazione mediante stucco. Se non ci sono irregolarità significative sulla superficie, è sufficiente semplicemente pulirlo accuratamente da polvere e sporco, quindi adescarlo, e se questa vernice è destinata a rivestimenti ceramici e smaltati, allora puoi fare a meno dell’innesco. In merito a come diluire la vernice a smalto, possiamo dire con sicurezza che i diluenti di qualsiasi campione sono adatti qui, così come un solvente.

logo

Leave a Comment