Impianti idrici

Segreti della piscicoltura negli stagni artificiali

Segreti della piscicoltura negli stagni artificiali

Gli stagni artificiali sulla trama possono svolgere non solo una funzione decorativa, essendo una parte efficace del design, ma anche portare buoni benefici. L’allevamento dei pesci negli stagni artificiali è un’attività affascinante che ti consente di diversificare il tempo libero e di coltivare pesci ecologici. Quando si decide di creare un serbatoio per la piscicoltura al fine di realizzare il sogno di pescare nel proprio paese, è necessario organizzare correttamente tutto. Ne parleremo oggi.

Soddisfare

Quale dovrebbe essere la dimensione ottimale del serbatoio?

L’opzione ideale per un buon riposo e l’attività di pesca preferita è la posizione del sito vicino a un bacino idrico esistente. In assenza dell’opportunità di godere dei benefici della natura, i proprietari di trame personali possono sempre creare uno stagno per l’allevamento dei pesci con le proprie mani..

Specie ittiche senza pretese

Tra i pesci più esigenti nella cura possono essere attribuiti in modo sicuro a carpe e carpe crucian. Queste specie senza pretese si adattano perfettamente alla vita anche in bacini lenti e abbastanza superficiali

La carpa è un pesce che va d’accordo in aree abbastanza piccole. Come dimostra la pratica, la carpa in piccoli bacini accumula massa più velocemente che in grandi stagni. Ciò è dovuto al fatto che in una piccola area, il pesce spende meno energia alla ricerca di cibo. Il piccolo stagno è anche conveniente per il proprietario, poiché è più facile prendersi cura di un piccolo stagno.

Variazioni delle dimensioni della fossa

Le dimensioni della fossa possono variare a seconda delle preferenze e delle capacità del proprietario del sito

Un piccolo stagno può ospitare fino a due dozzine di crucian e diverse carpe di medie dimensioni. In media, vengono prelevati da 10 a 20 pesci per 1 metro cubo di acqua.

Per le carpe da riproduzione e le carpe, è ottimale uno stagno domestico di 4×6 metri e una profondità dello stagno da 0,8 a 1,5 metri. Il vantaggio principale di una tale dimensione dello stagno è un riscaldamento abbastanza rapido dell’acqua in estate a una temperatura di 24-26 gradi, il che è più favorevole per la vita di queste specie. Abbassare la temperatura nel serbatoio a 12 gradi può portare a una diminuzione dell’intensità della nutrizione e dell’attività di crescita nei pesci. Un aumento della temperatura superiore a 30 gradi porta anche a una diminuzione dell’attività dei processi vitali di carpe e crucian.

Preparare un laghetto

Il mantenimento e l’allevamento dei pesci nei bacini artificiali inizia con la preparazione della fossa per il bacino. Dopo aver determinato le dimensioni del futuro stagno e scavato una fossa, dovresti livellare e schiacciare la superficie del terreno. È auspicabile cementare il fondo del futuro serbatoio.

Il fondo della fossa è realizzato in film plastico

Un’opzione di bilancio alternativa è quella di utilizzare un film di polietilene denso per la posa del fondo

Con un uso attento del film, una base sufficientemente solida può durare più di una stagione. Sdraiarsi sul fondo della fossa delle camere pre-incollate dei camion è anche un’opzione abbastanza comune, che non richiede grandi costi finanziari.

Se si desidera allevare gamberi oltre ai pesci nello stagno, sul fondo dello stagno possono essere posati vasi battuti, tubi e pietre di diverse dimensioni. Come «luoghi nascosti» consentire ai gamberi di nascondersi dai pesci durante la muta.

Piante acquatiche vicino a un bacino idrico

Il lungomare può essere piantato con piante igrofile come canne e salici.

È possibile riempire il laghetto con pozzo, sorgente o artesiano, nonché normale acqua di rubinetto. Non importa che tipo di acqua sia riempita lo stagno, lancia il pesce nei primi giorni in quasi «sterile» l’acqua in fretta non ne vale la pena. L’acqua dovrebbe essere riscaldata bene al sole, stabilirsi e acquisire microrganismi. In altre parole, l’acqua dovrebbe diventare «vivo». Un paio di secchi aiuteranno ad accelerare il processo di arricchimento dell’acqua con microflora «vivo» l’acqua trasferita dallo stagno stabile, così come un mucchio di erba appassita, calò sul fondo di un nuovo serbatoio.

Creare il giusto microclima

L’acidità nel laghetto dovrebbe variare nell’intervallo 7-8 pH. L’ottimale per la piscicoltura è considerato un ambiente neutro. Una riduzione dell’acidità a 5 ph è sfavorevole per la vita di carpe e crucian. È possibile aumentare l’acidità in uno stagno aggiungendo una porzione di calcare o una soluzione di soda. Per determinare il livello medio di acidità dell’acqua, è necessario effettuare misurazioni in diversi punti lungo il perimetro del serbatoio. Va tenuto presente che la velocità di una reazione chimica dell’interazione di sostanze dipende direttamente da un fattore come l’intensità della luce solare. La luce solare diretta accelera notevolmente il processo..

Succede anche che anche l’uso di additivi possa dare solo un breve effetto.

Diminuzione dell'acidità dell'ambiente acquatico

Se l’acidità diminuisce anche con l’azione delle sostanze, allora si dovrebbe cercare il motivo che provoca lo sviluppo di un tale ambiente

Una condizione altrettanto importante per il lancio del pesce in un serbatoio è il regime di temperatura ottimale. È molto importante che la temperatura della vasca con i pesci e lo stagno sia esattamente la stessa.

Il processo di equalizzazione della temperatura dell’acqua del serbatoio con il pesce con la temperatura all’interno del serbatoio ridurrà il rischio di shock termico nel pesce, che può portare alla morte anche degli adulti nel primo giorno.

Dopo i lavori preparatori, puoi liberare i pesci. Alcuni segreti del corretto lancio del pesce in un serbatoio sono presentati nel video:

Come nutrire i nostri pesci?

L’allevamento del pesce negli stagni artificiali prevede un’alimentazione artificiale, che può aumentare significativamente l’aumento di peso. Poiché le carpe sono onnivore, è del tutto possibile utilizzare mangimi composti destinati a pollame e maiali per nutrire i pesci.

Schema di fattori favorevoli per la piscicoltura

Il pesce assorbe volentieri le risorse naturali del serbatoio: lombrichi, insetti

Il cibo sfuso dovrebbe essere preparato sotto forma di porridge o pasta spessa, che si forma mescolando il cibo con acqua in un secchio. I chicchi di fagioli e cereali, che vengono somministrati in forma gonfia al vapore, possono servire da sostituti dell’alimentazione.

Il rapporto tra mangime di grano e massa di pesce non deve superare il 3-5%. Quando si organizza l’alimentazione dei pesci, è consigliabile rispettare un determinato programma. Dai da mangiare al pesce 1-2 volte al giorno in un luogo designato. Dotando un posto di alimentazione, è possibile preparare un pallet da tavolo, che può essere facilmente abbassato ed esce dall’acqua. Applicazione «alimentatori» ti permetterà di controllare la presenza di residui di mangime non consumato, la cui acidificazione può rovinare l’acqua. Per sviluppare un riflesso condizionato negli individui, invocando il pesce per nutrirsi, puoi usare la campana.

Video esempio della costruzione di uno stagno di carpe koi

logo

Leave a Comment