Tetto

Come isolare correttamente il piano attico con le tue mani

La maggior parte delle persone concorda sul fatto che in una casa privata una grande percentuale di perdita di calore si verifica attraverso il tetto. Abbastanza spesso, l’aria calda sale attraverso il tetto a causa dell’isolamento termico insufficientemente condotto. Comunque avendo tempestivo isolamento termico dell’attico puoi eliminare tali problemi e salvarti dall’afflusso di aria fredda dal soffitto nella stagione invernale.

In precedenza, il riscaldamento dell’attico a casa, di regola, non era molto preoccupato. E la cosa non è nemmeno che ai vecchi tempi la costruzione non fosse stata fatta bene, al contrario, case del genere erano in piedi da molti decenni. Inoltre, faceva sempre caldo in loro, poiché prima si basavano principalmente sull’isolamento naturale – l’aria, vale a dire quella che si accumulava tra il pavimento dell’attico e le pendenze del tetto.

Il design dei tetti a falde prevede la ritenzione in inverno dello strato di neve, che ha naturalmente chiuso le fessure attraverso le quali l’aria fredda poteva accedere alla stanza. Poiché le pendenze del tetto non erano isolate dall’interno, ciò non causava lo scioglimento dello strato di neve e la termoregolazione nella stanza veniva effettuata attraverso le finestre dell’attico. Questo metodo è ancora rilevante nella costruzione moderna..

Il dispositivo del piano attico di una soffitta fredda ↑

Le condizioni di umidità e temperatura di una soffitta fredda dovrebbero avere un indicatore di 4 ° C superiore alla temperatura media esterna. Cioè, in effetti, la fredda mansarda non è riscaldata.

Il design della soffitta fredda prevede l’uscita dell’aria dai condotti di ventilazione direttamente nell’atmosfera. Per ridurre il numero di intersezioni delle sezioni del tetto con l’isolamento del rotolo, viene effettuata una combinazione di sezioni del canale mediante condotti di ventilazione. Un tale dispositivo di ventilazione naturale offre un’ottima opportunità per mantenere l’umidità e la temperatura ottimali all’interno della soffitta. In tali condizioni, è esclusa la formazione di condensa e brina sui piani interni del tetto.

La violazione delle condizioni di umidità e temperatura porta a una significativa bagnatura delle strutture e dell’isolamento termico e, di conseguenza, a una perdita di proprietà isolanti e di resistenza, una violazione della struttura portante del tetto, fino al suo crollo.

Opzioni di isolamento termico ↑

Il tetto dell’edificio con una soffitta fredda, in contrasto con la soffitta calda, è consentito per la sistemazione in edifici residenziali di qualsiasi numero di piani. In questo caso, l’isolamento termico è realizzato da pavimenti in soffitta e il suo spessore è determinato in base alle condizioni climatiche in cui l’edificio è stato eretto.

L’isolamento del pavimento del sottotetto viene eseguito in due modi secondo il principio:

  • un soffitto mobile, in cui il materiale è posato sopra;

  • controsoffitto – quando l’isolamento è disposto sul piano interno;

Nella prima forma di realizzazione, l’isolamento termico, di regola, è costituito da lastre di lana minerale disposte su due file e ricoperte da uno speciale strato protettivo di pannelli di particelle di cemento. Questa opzione con un dispositivo di isolamento del solaio ha alcuni vantaggi:

  • l’isolamento non assorbe l’umidità;

  • libertà di movimento sulla superficie del materiale isolante;

  • lo strato superiore può essere impregnato di antisettici;

Varietà di materiale di isolamento termico ↑

Se decidi di riorganizzare lo spazio della soffitta per l’alloggio, devi prima riscaldarlo. In precedenza, paglia, fieno, segatura venivano posati sui soffitti come isolamento e successivamente venivano utilizzati ruberoid, scorie, argilla espansa e lana di vetro.

Ora, per l’isolamento delle case private, vengono utilizzati materiali più moderni, che hanno una serie di caratteristiche, tra le quali sono piuttosto apprezzati:

  • peso ridotto grazie al quale piano mansardato in legno non presenta carichi aggiuntivi;

  • sicurezza antincendio;

  • semplicità e facilità di installazione;

  • rispetto dell’ambiente;

  • elevato grado di risparmio di calore e protezione dall’umidità.

I materiali più popolari per l’isolamento del solaio sottotetto sono:

  • lana minerale;

  • schiuma di poliuretano (PUF);

  • schiuma di polistirolo.

Va notato che questi materiali, tuttavia, come tutti gli altri, hanno sia vantaggi che svantaggi.

Isolamento del piano attico con lana minerale ↑

Questo tipo di isolamento, come la lana minerale, consente ai proprietari di case private di convertire lo spazio sottotetto in un soggiorno. La lana minerale può essere scorie, vetro, pietra – dipende dalla materia prima.

Come isolare correttamente il piano attico con le tue mani

La lana minerale viene prodotta sotto forma di rotoli, lastre o miscele sciolte, che consente di utilizzare questo materiale per la protezione termica delle pareti, per riscaldare il pavimento, le pendenze e i tetti della soffitta. Può essere utilizzato per l’isolamento di forni, condutture e molto altro, poiché è in grado di resistere a temperature superiori a 1000 ° C. La lana minerale offre un eccellente isolamento acustico ed è anche resistente ai prodotti chimici. La durata di questo materiale isolante è di circa 50 anni. La condizione principale per una lunga durata è quella di evitare le guarnizioni, in quanto il risultato è una riduzione significativa delle proprietà di isolamento termico.

Come isolare correttamente il piano attico con le tue mani

Nelle case di legno, l’isolamento del sottotetto con lana minerale inizia con una barriera al vapore. Alcuni tipi di lana minerale sono caratterizzati da qualità idrorepellenti, in modo che la condensa non si accumuli sull’isolante e, di conseguenza, le caratteristiche di schermatura termica non diminuiscono. Se nella lana minerale viene fornito un rivestimento di alluminio, non è necessaria la barriera al vapore.

Lo svantaggio di tali materiali è che contengono formaldeide e pertanto è necessario l’uso di guanti e una maschera per lavorare con essi..

Schiuma poliuretanica (PPU) ↑

Questo isolamento è costituito da materiali plastici riempiti di gas e viene applicato a qualsiasi superficie mediante spruzzatura. La schiuma di poliuretano ha trovato ampia applicazione nell’installazione di isolanti per coperture, isolamento di basamenti, pareti e viene anche utilizzata come isolante per pavimenti attici.

Come isolare correttamente il piano attico con le tue mani

Il metodo di spruzzatura senza saldatura PPU consente di riempire quasi tutti i vuoti e gli spazi vuoti, senza dare la minima possibilità a correnti d’aria e freddo. Questa moderna tecnologia di isolamento consente di aumentare di quasi tre volte il risparmio di calore, riducendo al contempo il costo del riscaldamento degli alloggi. PUF mostra una significativa resistenza al decadimento e all’influenza di ambienti aggressivi. La schiuma di poliuretano conferisce strutture, ma che viene spruzzata con una rigidità aggiuntiva. Tuttavia, l’argomento più potente a favore della PPU è una vita di 50 anni.

Come isolare correttamente il piano attico con le tue mani

Tra le carenze del materiale, vale la pena notare il suo costo elevato, che, tuttavia, ripaga a causa dei risparmi in denaro spesi per lavori di spruzzatura, poiché non è necessario realizzare una torta di isolamento termico e termico. La schiuma di poliuretano protegge perfettamente da suoni freddi e forti, umidità e condensa.

Polistirolo ↑

Spesso questo materiale veniva utilizzato per isolare piano mansardato in una casa privata, sono anche chiamati polistirolo, ma in termini di tecnologia e qualità sono materiali completamente diversi, tuttavia hanno componenti comuni, vale a dire il polistirolo. Il polyfoam è un materiale piuttosto fragile, mentre il polistirolo è molto più resistente alla compressione e allo strappo. Il polistirene espanso viene prodotto per estrusione, ovvero il polimero subisce una trasformazione in diverse fasi: i granuli si sciolgono e la schiuma, aumentando in modo significativo le sue proprietà di isolamento termico.

Come isolare correttamente il piano attico con le tue mani

Affinché l’abitazione, equipaggiata in soffitta, sia abbastanza calda, cercano di usare tali qualità di pannelli di polistirolo come un eccellente isolamento termico. Inoltre, questo materiale si distingue per il suo basso prezzo, il peso ridotto, il rispetto per l’ambiente e la facilità di installazione. Le qualità di isolamento termico del polistirolo espanso vengono preservate anche sotto l’influenza dell’umidità, poiché il polistirolo espanso non è igroscopico.

Gli svantaggi dell’isolamento del sottotetto con schiuma plastica sono l’insufficiente isolamento acustico e la scarsa resistenza ai solventi. Nonostante il fatto che questo materiale sia esposto al fuoco, i nuovi tipi di polistirene espanso non sono combustibili e hanno una classe di sicurezza antincendio piuttosto elevata. Attualmente, ci sono materiali realizzati in cartone ondulato con isolamento in polistirolo e con i quali esiste una grande opportunità per isolare il pavimento dell’attico su travi di legno e rendere l’attico un soggiorno.

L’uso di materiali sfusi ↑

Il modo più semplice e antico di isolare il solaio è l’uso di materiali di riempimento. Questo metodo è rilevante se nella soffitta sono presenti pavimenti in legno, per i quali è sufficiente riempire lo spazio tra tutti i tronchi con un riscaldatore. L’intero processo di riscaldamento della struttura della soffitta in questo caso non è particolarmente difficile.

Innanzitutto, i fogli di carta kraft vengono posati su tutta la superficie del pavimento. Tuttavia, puoi usare glassine o cartone sfuso, puoi anche ingrassare la superficie trattata con argilla. Su uno strato già disposto, il materiale termoisolante è sparso sulla parte superiore, che vale la pena coprire con assi in modo da poter camminare liberamente sul pavimento. Anche il portello di accesso all’attico deve essere ben isolato.

Puoi anche vedere la procedura di pavimentazione del sottotetto; puoi vedere il video:

logo

Leave a Comment